Serie A, tutti gli stipendi: il Milan in testa, chiude la capolista Chievo e Cesena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00
La tabella completa degli stipendi in serie A

Nella giornata di ieri è stata pubblicata un’interessante tabella che va ad evidenziare il quantitativo degli stipendi che le diverse società distribuiscono ai propri giocatori in un crescendo che ci aiuta a capire qual è la società che spende di più e quale quella che riesce a spendere di meno.

Milan, Inter e Juventus sul podio – Al primo posto troviamo il Milan stellare, quello degli otto milioni a Ibrahimovic, che sostiene da anni Ronaldinho, Pato e ora anche Robinho, senza dimenticare Pirlo e il tanto ricercato Thiago Silva: 130 milioni all’anno per la squadra di Berlusconi, che ha sempre lamentato un bilancio troppo in negativo, ma pare non faccia molto per risanarlo e con la cessione di Kakà le cose non sono certo cambiate. Al secondo posto segue subito l’Inter con 121 milioni spesi, che restano comunque alti visto il ridimensionamento di quest’anno che ha visto la cessione di Balotelli e l’addio di Toldo con i soldi acquisti di Castellazzi, Mariga e Biabiany, che non prenderanno di certo miliardi. Al terzo posto la Juventus dei 75 milioni di acquisti con 100 milioni di stipendi annui: ma Delneri è stato chiaro, questa Juventus non è da scudetto. Chiude la Roma con 83 milioni, aumentati di recente dall’arrivo di Borriello, altrimenti cifra abbastanza rispettabile per i Sensi.

Chievo e Cesena, poveri ma belli – La classifica è chiusa incredibilmente dal Chievo, attuale capolista della Serie A, che con appena 13 milioni di stipendi annui riesce a mantenere giocatori importanti come Pellissier, Granoche, Sorrentino e Luciano; ancora più sotto il Cesena, con addirittura 8 milioni, e che come acquisto più costoso di quest’anno ha avuto Nagatomo, a solo mezzo milione di euro: e con questi pochi soldi ha battuto il Milan dei 130 milioni e fermato la Roma degli 83 milioni. Insomma poveri ma belli i Campedelli, patron di Chievo e Cesena, nemmeno a farlo apposta.

Spendono poco e rendono tanto Samp e Fiorentina – Tanto per nominare qualche altra squadra, troviamo la Fiorentina, negli ultimi anni sempre protagonista della vetta, a 42 milioni all’anno: cifra nemmeno troppo alta visto che è la metà della Roma e meno della metà della Juventus. Anche la Sampdoria, che sta continuando a fornire campioni alla nazionale ed emozioni al campionato dopo il quarto posto dell’anno scorso, si dimostra abbastanza economa con i suoi 35 milioni: 3 di questi vanno a Cassano, e altre cifre importanti ci saranno per Pazzini e Palombo, senza dimenticare i piccoli campioncini come Poli, Volta, Marilungo e Pozzi. Curioso intanto vedere il Palermo a 22 milioni spesi l’anno per una squadra che, almeno l’anno scorso, annoverava nomi importanti tra cui Kjaer e Cavani, ora giunti a diversi lidi.

Mario Petillo

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!