Teatro di Ca’Foscari a Venezia: formazione e sperimentazione saranno protagoniste

Un programma teatrale votato alla sperimentazione e alla formazione è quello che prenderà vita nella stagione 2010-2011 del Teatro di Ca’ Foscari a Santa Marta, Venezia.

Una stagione che non vuole fare concorrenza alle istituzioni teatrali del territorio, come dichiara il rettore dell’Università Ca’ Foscari: “il nostro compito è quello di mettere in rilievo la qualità delle forme artistiche e di renderne partecipi gli studenti, i giovani in generale e gli spettatori veneziani” ha infatti dichiarato Carlo Carraro.

Le attività teatrali della nuova stagione si divideranno in due sezioni: Atelier e Ri-scontri – Laboratori e proposte .
Atelier presenta dieci spettacoli inediti o nuovi per il territorio veneto e derivano principalmente da sperimentazioni degli interpreti, mentre la seconda sezione, Ri-scontri, vede protagonisti i giovani studenti che verranno coinvolti direttamente affiancati da registi professionisti.
In entrambe le sezioni del programma ci sarà la presenza di artisti cresciuti culturalmente in veste di studenti o docenti nelle facoltà dell’Ateneo veneziano.

Tra gli spettacoli presentati si segnalano lo studio in forma semiscenica Enigma (niente significa mai una cosa sola) con Ottavia Piccolo e Silvano Piccardi (10 novembre), Thom Pain (basato sul niente) di Will Eno con protagonista l’attore Elio Germano, che recentemente ha ricevuto il premio come miglior attore al Festival di Cannes per il film (25 novembre), il progetto realizzato da Federico Pietrobelli e Alessandro Giurola La nostra vitaIn bosco – Galatei per voce, violoncello e danza tratto dall’opera di Andrea Zanzotto (10 dicembre), e One being one, spettacolo di danza, che chiuderà la stagione teatrale il 31 maggio 2011.

I programmi e le modalità di acquisto degli abbonamenti e dei biglietti per i
singoli spettacoli sono consultabili sul sito dell’Università o sulla pagina Facebook del teatro Ca’ Foscari e le prevendite inizieranno dal 21 settembre (dal martedì al venerdì con orario 11.30-16.30 presso la biglietteria del teatro a Santa Marta).

Beatrice Pagan