Ricatti su Facebook con video hard

Facebook in questi giorni è al centro dell’attenzione mediatica. Tra stalker e stupratori, ora si aggiunge, sul network più in voga del momento, anche la figura del ricattatore.
Un 28enne di Rieti è stato denunciato da una decina di donne con l’accusa di tentata violenza e intercettazioni illecita di comunicazioni informatiche.
L’uomo, ancora a piede libero, ricattava le vittime di mettere pubbliche delle immagini che li ritraeva in posizioni Hot.
Immagini modificate tramite il programma di fotoritocco Photoshop e trovate nell’abitazione del violentatore informatico al momento della perquisizione della Polizia Postale.

Oramai Facebook, più che un portale di incontro e di ritrovo per amici passati, sta diventando sempre più un luogo d’incontro per stupratori e ricattatori.
Il ruolo iniziale di Facebook sta cambiando, come sta cambiando il mondo in cui attualmente viviamo.

Vorrei portare un messaggio importante alle ragazze della rete: state attente a chi si nasconde dietro una foto di Facebook. E, se dovete per forza conoscere nuove persone in questo modo, fatelo con molta attenzione.

Alessandro Niro