Afghanistan, otto bambini muoiono per un razzo inesploso

Le violenze dei talebani per le seconde elezioni libere dal 2001 ha causato nuove vittime in Afghanistan.Questa volta ad essere colpiti dall’intolleranza e dal fanatismo sono stati 0tto piccoli bambini, dai 10 ai 13 anni, che sono morti per l’esplosione di un razzo, con il quale stavano giocando.

La tragedia è avvenuta nella provincia settentrionale di Kunduz, nel distretto di Aliabad, dove i talebani avevano lanciato diversi razzi contro un seggio elettorale. Secondo la ricostruzione della tragedia fatta dalle autorità afghane, l’ordigno che ha ucciso le piccole vittime potrebbe essere stato uno dei razzi lanciati dai talebani e rimasto inesploso o potrebbe essere stato piazzato là per un attentato mai avvenuto.

Nonostante le violenze degli ultimi giorni ,secondo quanto reso noto dal presidente della Commissione elettorale indipendente (Iec), Fazad Ahmad Manawi, circa 4 milioni di persone sono andate a votare, con un’affluenza del 40%. I risultati delle elezioni che decideranno i nuovi membri della Camera Bassa. saranno resi noti il più presto possibile, come auspicato dallo stesso presidente afghano Hamid Karzai. Il presidente ha sottolineato come “il secondo voto degli afghani nell’era democratica  è stato un passo da gigante per il rafforzamento della democrazia afghana”. Secondo quanto diffuso da alcune fonti ufficiali militari, inoltre, gli attacchi dei talebeni sono dimuniti rispetto alle elezioni presidenziali del 2009.