Svezia, gli exit-poll danno la vittoria al centro-destra

I dati relativi agli exit poll sembrano confermare la vittoria in Svezia della coalizione del centrodestra del primo ministro Frederik Reinfeldt. Il centro destra, però, non avrebbe ottenuto la maggioranza assoluta e per governare dovrebbe allearsi con gli estremisti di Jimmi Akesson, i Democratici di Svezia.

Quando sono stati scrutinati circa la metà delle circoscrizioni elettorali, i dati darebbero il 48,8 per centro dei suffraggi al premier. L’alleanza guidata da Reinfeldt e formata da quattro partiti avrebbe ottenuto un secondo mandato, dopo il dominio assoluto dei socialdemocratici duranto 80 anni. Nonostante ciò, i seggi ottenuti sarebbero 172, due in meno a quelli necessari per governare. Proprio per questo sarebbe indispensabile l’appoggio dell’estrema destra che per la prima volta entra in Parlamento, con il 6, 2 per cento, superando lo sbarramento del 4 per cento dei voti.

Da tempo presente in ambito locale l’estrema destra avrebbe fatto il grande salto a livello nazionale, arrivando ad essere l’ago della bilancia per la stabilità del governo. Questo nonostante sia l’attuale premier, sia il leader del centrosinistra, Mona Sahlin, abbiano più volte smentito un’eventuale collaborazione con il partito xenofobo e anti musulmano del giovane Akesson.”Non li toccherei neanche con le pinze”, aveva detto proprio il primo ministro uscente, ma le cose potrebbero stare a punto di cambiare.