SBK, Biaggi e Aprilia pronti per Imola

L’obbiettivo è chiaro, coinciso e privo di strani ragionamenti. Max Biaggi, nelle due gare che domenica si svolgeranno nel celeberrimo circuito di Imola, non dovrà perdere più di otto punti in classifica mondiale dal suo rivale Leon Haslam. Una missione totalmente alla portata del Team che in quest’anno è riuscita prima a recuperare lo svantaggio e poi a dominare il campionato, costruendo una annata di grande valore sia sportivo che storico. Infatti Max Biaggi ha tutte le carte in regola per divenire il primo pilota italiano che vince un titolo nel massimo campionato motociclistico delle derivate di serie. Un traguardo impreziosito dall’essere in sella alla mitica Aprilia, marchio che, dopo tanti anni di crisi e scarse prestazioni, sta ritrovando il gusto della vittoria.

Ovvio quindi che sia per Max che per tutta la squadra, Imola sarà un appuntamento davvero cruciale ove bisognerà sbagliare il meno possibile. Un fatto non facile che però Biaggi, forte della sua esperienza, prende con serenità: ” Come ho già avuto modo di dire, ad Imola farò il ragioniere spericolatoL’esperienza mi insegna che per vincere un Mondiale bisogna essere sempre concentrati, non lasciando nulla al caso: per questo, ancora più che negli altri weekend, sarà importantissimo raggiungere il miglior setup fin dalle prime prove. Imola è un tracciato con qualche sconnessione di troppo, dovremo lavorare di fino per stare nelle posizioni che contano.” Massimo attenzione al risultato evitando cadute o errori di messa a punto. Da notare anche l’assenza del compagno di squadra Leon Camier, ancora infortunato, che rende di vitale importanza la prestazione di Biaggi anche in ottica classifica costruttori.

Un impegno cruciale, forse il più delicato di tutta la stagione. Manca solo un ultimo tassello per completare un quadro che già ora si preannuncia storico ed indimenticabile. Comunque andrà la prossima gara sarà davvero imperdibile e forse anche l’atto conclusivo di questo bellissimo mondiale targato 2010.

Riccardo Cangini