Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Legambiente Day: al via “Puliamo il Mondo”

CONDIVIDI

A partire da venerdì 24 settembre e fino a domenica 26, un cospicuo numero di volontari muniti di guanti, rastrelli e buona volontà, si ritroverà nelle piazze italiane con l’intento di  ripulire dai rifiuti strade, parchi, spiagge e fiumi. Anche quest’anno, infatti, parte “Puliamo il mondo“, manifestazione organizzata dall’assaciazione Legambiente, evento giunto ormai alla sua diciassettesima edizione.

Cuore pulsante dell’iniziativa di quest’anno, il più grande evento internazionale di volontariato ambientale, sarà il comune di Pollica, il cui sindaco Angelo Vassallo è stato ucciso lo scorso 5 settembre mentre rientrava a casa. Proprio da Pollica, nella domenica che conluderà la manifestazione, verrà trasmessa su Rai 3 la diretta di “Ambiente Italia”, trasmissione condotta da Beppe Rovera, alla quale prenderanno parte amministratori e personaggi del mondo della cultura.

Quello che l’associazione ambientalista si aspetta da questa storica iniziativa è un’attiva partecipazione dei cittadini alle operazioni di pulizia del territorio. Questo, secondo Legambiente, è il fattore principale in grado di indirizzare l’attenzione e le risorse delle amministrazioni locali sulle problematiche ambientali e sulle possibili soluzioni da concretizzare per migliorare la vita dei cittadini.

Durante la manifestazione, Legambiente chiederà ai partecipanti di firmare una petizione per impedire che l’entrata in vigore della legge che vieta l’utilizzo dei sacchetti di plastica venga ulteriormente posticipata: “Dal prossimo gennaio anche l’Italia dovrebbe finalmente bandire l’uso dei sacchetti di plastica ma è concreto il rischio che questo divieto venga nuovamente posticipato. Chiediamo quindi ai cittadini di firmare una petizione perché l’entrata in vigore della legge che vieta l’uso degli shopper non venga prorogata e non c’è migliore occasione di Puliamo il Mondo per farlo”, ha dichirato Michele Buonomo, presidente Legambiente per la regione Campania.

Di Marcello Accanto