Serie A, Inter-Bari 4-0: doppiette di Milito e Eto’o e i nerazzurri provano la fuga


Si è svegliato Milito. E ora forse saranno dolori ancora più atroci per le contendenti. La squadra di Benitez sembra aver ritrovato lo smalto dei giorni migliori, ha ritrovato il suo bomber, l’uomo del fantastico triplete e schianta in scioltezza un Bari incerottato soprattutto in difesa con Pulzetti schierato a terzino destro a cercare di arginare un Eto’o irresistibile per qualsiasi avversario in questo periodo. E’ proprio da un’azione del camerunense che arriva il vantaggio firmato al 27′ del primo tempo dal Principe, alla prima rete stagionale. Nella ripresa, arriva la doppietta di Samuel Eto’o con due penalty trasformati tra il 50′ e il 64′. A quattro minuti dal 90′ arriva il definitivo 4-0 ancora con Milito ottimamente assistito da Stankovic, capitano stasera per l’assenza di Javier Zanetti. Per il Bari poco o nulla, escluso un palo colpito dopo appena 20 secondi dal fischio d’inizio.
Benitez sembra aver trovato la quadratura del cerchio, mentre la classifica parla ormai chiaro: Inter a 10 punti, sola in vetta. Bentornati alla normalità.

PRIMO TEMPO – Parte forte il Bari che dopo appena 20 secondi va vicinissimo al vantaggio: bella azione manovrata e veloce, Ghezzal crossa basso per l’accorrente Almiron, l’argentino calcia sul palo alla destra di Julio Cesar, brivido per il pubblico di San Siro. Pian piano l’Inter cresce e inizia il solito possesso palla, una nuova caratteristica per la squadra nerazzurra targata Benitez. Ci provano in sequenza Eto’o (alto), Milito (alto) e Pandev: diagonale con il destro (non il suo piede) che si spegne a lato. Al 27′ uno scatenato Eto’o salta per l’ennesima volta sulla fascia sinistra Pulzetti e mette in mezzo per Milito che di testa dal limite dell’area piccola fa centro. Due minuti dopo, ancora Eto’o fa fuori Pulzetti e crossa in mezzo, Maicon e Milito mancano la deviazione sotto porta. Al 32′ si fa male Samuel: un problema al ginocchio per l’argentino che viene sostituito da Cordoba. Al 34′ contropiede Inter: stavolta è Chivu a mettere in mezzo, ma ancora nessuno riesce ad arrivare su un pallone invitante. L’Inter tiene bene il controllo. Solo nel recupero si vede un pò di Bari con una conclusione di Alvarez parata in due tempi da Julio Cesar.

SECONDO TEMPO – Si riparte con gli stessi 22. Al 3′ Barreto si gira bene e calcia verso la porta, Julio Cesar è attento e blocca. Al 5′ fallo di mano di Rossi su cross di Sneijder, per l’arbitro Mazzoleni nessun dubbio: è calcio di rigore. Va Eto’o e spiazza Gillet. Al 15′ bella azione dell’Inter che libera Milito al tiro, il Principe prova il tiro a giro ma calcia malissimo-
Al 19′ secondo rigore per l’Inter per fallo di Rivas su Lucio: va nuovamente Eto’o che spiazza ancora Gillet. Al 27′ gran sinistro dalla distanza di Parisi, ma altrettanto grande risposta di Julio Cesar che devia in angolo.
Al 37′ ancora Parisi crossa in mezzo: Castillo, che era in fuorigioco, non ci arriva, ci arriva invece D’Alessandro che fallisce un’occasione colossale.
Al 41′ arriva il 4-0: l’azione parte da Coutinho, appena entrato al posto di Sneijder, poi è Stankovic a dare l’ultimo passaggio a Milito che si invola verso la porta e fulmina Gillet con un potente esterno destro. Due doppiette per i bomber nerazzurri e l’Inter tenta la prima fuga della stagione.

IL TABELLINO

INTER-BARI 4-0

MARCATORI: Milito al 26’ Eto’o al 50’ (rigore) e al 63’ (rigore), Milito all’ 86’

INTER (4-2-3-1): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel (32’ Cordoba), Chivu; Stankovic, Cambiasso; Pandev, Sneijder (79′ Coutinho), Eto’o (69′ Muntari); Milito. (Castellazzi, Materazzi, Mariga, Biabiany). All. Benitez

BARI (4-4-2): Gillet; Pulzetti, Masiello, Rossi, Parisi; Alvarez, Almiron, Donati, Ghezzal (62′ Castillo); Kutuzov (62′ D’Alessandro), Barreto. (Padelli, Rinaldi, Caputo, Crimi) All. Ventura

ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo

AMMONITI: Stankovic (I) per proteste, Pulzetti (B) per gioco scorretto.

ESPULSI: nessuno

Miro Santoro