Marcegaglia attacca il Governo: “L’Italia non va meglio di altri”

“Quando si dice che siamo andati meglio di altri Paesi non e’ vero, siamo stati fortemente colpiti dalla crisi”: queste le dure parole che arrivano da parte della numero uno di Confindustria Emma Marcegaglia.

E’ proprio intervenendo all’assise della Confindustria Toscana che il capo degli industriali si esprime ancora una volta per contraddire le parole rassicuranti dell’esecutivo sugli esiti della crisi economica e sulla ripresa economica. Una presa di posizione netta, che si assomma alle altre che sempre più di frequente stanno impegnando la Marcegaglia.

Causa della stagnazione, e dell’approssimarsi di un peggioramento? L’incertezza. E’ presto detto: secondo la Marcegaglia “C’e’ la ’sensazione che stiamo uscendo dalla crisi con una capacita di crescita inferiore alla media europea. Niente crescita, dunque, nessuna posizione invidiabile rispetto agli altri paesi: “Siamo comunque in un quadro di incertezza – è il monito della leader di Confindustria – la visibilita’ e’ limitata, e c’e’ molta differenziazione nella capacita’ di crescita. L’incertezza rimarra’ una costante con la quale dovremo continuare ad avere a che fare”.

Un richiamo evidente, nei fatti, all’attualità politica, che vede la maggioranza barcamenarsi in una crisi dalla difficile risoluzione, e il presidente del Consiglio ancora titubante sull’assegnazione delle poltrone allo Sviluppo Economico e a capo della Consob.