Sandra Mondaini isolata: pace a distanza tra Virginia e Rosalie

Da tempo non riuscivamo a metterci in contatto con lei. Ogni volta che telefonavamo e cercavamo di andarla a trovare i domestici ci dicevano che non era possibile”. Era  stata Virginia Vianello a raccontare tra le lacrime la sua verità. La nipote del compianto Raimondo sosteneva  che, mancato suo zio, i filippini,  a quanto pare mai adottati dalla famiglia Vianello, contrariamente a quanto molti pensano, avrebbero “fatto totalmente barriera. È un comportamento vergognoso – ha poi aggiunto Virginia – Sandra è morta isolata da tutti”. Queste alcune delle parole di Virginia Vianello, rivelazioni fatte a News Mediaset che nei giorni scorsi hanno aperto uno scenario molto controverso.

“Non sapevo niente – continua la nipote di Vianello – nemmeno che Sandra fosse ricoverata. Da quando Raimondo è mancato mi è stato impossibile parlare con lei”. Edgar e Rosalie, i due filippini non avrebbero mai dato notizia ai parenti del ricovero di Sandra Mondaini.

C’è poi la questione dell’adozione “Non è mai stata formalizzata nessuna adozione nei confronti dei domestici filippini e lo hanno riconosciuto anche loro in una recente intervista” Il punto, per quanto riguarda l’eredità, è cruciale. Vianello avrebbe lasciato, tramite testamento, tutto quello che aveva a sua moglie Sandra, ma non è stato ancora possibile chiarire se quest’ultima avesse a sua volta redatto un testamento o meno. Un’adozione darebbe con tutta probabilità il diritto alla coppia (e ai loro figli) di “pretendere” parte del patrimonio, ma tale pratica pare non sia mai stata messa in atto.

“Non mettiamo in dubbio – proseguono i nipoti –  ciò che quella famiglia ha fatto per i nostri ziiò. Sia zio Raimondo che zia Sandra erano molto affezionati a loro, i due domestici e i loro figli, soprattutto il più piccolo, Raymond, che era praticamente nato in casa, ma è stato accertato che non c’è stata alcuna adozione”

A poche ore di distanza Rosalie Magsino, la mamma di Gianmarco e del Piccolo Raymond, rispondeva alle dichiarazioni di Virginia: poche e scarne parole, in rispetto del dolore di quei giorni: “è giusto che voi sappiate cosa è successo. Mi hanno fatto tanto male le parole dette in questi giorni.”Replicherò a tutto questo – ha poi spiegato una portavoce per bocca della Magsino – solo in seguito. Noi ( i filippini, nda) abbiamo soltanto eseguito la volontà di Sandra, nient’altro”. Tutt’ora non è chiaro se la coppia e i loro figlio rimarranno dentro casa Vianello o meno, loro stessi non sono stati in grado, o non hanno voluto/potuto, chiarire la questione.

Virginia, la nipote di Raimondo, ha poi spiegato in seguito che gli interessi economici nulla centravano con il suo sfogo, che appunto voleva essere solamente tale, dovuto al non aver potuto vedere Sandra nei suoi ultimi istanti di vita.“Ho deciso di lasciar perdere – ha concluso – perché non voglio alimentare polemiche, siamo sempre stati una famiglia molto discreta.”

A.S.