Arriva la Yaris ibrida: Toyota la produrrà in Francia

Tremila persone salvate dal licenziamento: questa una conseguenza, molto apprezzabile, della deccisione dei vertici del colosso automobilistico giapponese  Toyota, di investire ben 53 mln di euro nella produzione del nuovo modello della Yaris, stavolta in versione Full-Hybrid (Hybrid Sinergy Drive). L’auto verrà prodotta a Onnanig, nel distretto di Valenciennes, in Francia. I cugini d’oltralpe hanno battuto la concorrenza di vari paesi, tra i quali Spagna e Turchia.

Il grosso investimento è stato deciso in comune con la regione francese, che parteciperà infatti anche alle spese. Grossa soddisfazione per la governatrice Valerie Letard. La Toyota Yaris è giò attualmente prodotta negli stabilimenti francesi, che però risultano poco sfruttati, venendo utilizzati circa al 60% delle loro possibilità. La casa giapponese considera l’insediamento produttivo di Onnaning come strategino e non ha quindi voluto rinunciarci, nè operare consistenti tagli, come sarebbe stato necessario fare in caso la Full-Hybrid fosse stata prodotta in altra sede.

Toyota è stata “l’inventrice” della tecnologia ibrida; La Prius, la produzione della quale era iniziata in sordina e solo per il mercato interno è  diventata ormai quasi oggetto di culto in Giappone ed è attualmente apprezzatissima in tutto il mondo. In Europa la prima Full-Hybrid prodotta è stata la Auris HSD, sempre Toyota ovviamente. Consumi ridottissimi (circa 3.8l/100km) e un silenzio “assordante” all’interno dell’abitacolo. Emissioni inquinanti ridotte al minimo. Il colosso giapponese ha recentemente promesso 10 nuove ibride entro il 2020. A far parte di questa schiera, appunto, anche la Yaris nella sua versione Full-Hybrid,, una delle auto più note e vendute del cosiddetto “segmento b”. La produzione della medio-piccola di Casa Toyota inizierà con tutta probabilità non prima del 2012.

A.S.