Berlusconi, il compleanno e il governo da salvare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:26

Si danno i numeri. Nelle ore frenetiche che anticipano il discorso più atteso della legislatura, con il presidente del Consiglio pronto a festeggiare il suo 74° compleanno circondato dal “calore” dei parlamentari, i pronostici sul risultato della votazione che si svolgerà oggi alla Camera impazzano.

“Stiamo tra i 317 e i 320 – ha dichiarato ieri un dirigente del Pdl, uscito dal vertice di palazzo Grazioli – e con i voti di Fli siamo oltre i 350 voti: che cosa si può volere di più?”. Salvo poi precisare che l’ambita quota 317 si raggiungerà solo se gli autonomisti siciliani di Mpa confermeranno (e non lo hanno ancora fatto) il loro sostegno al governo. In caso contrario per Silvio Berlusconi potrebbe prospettarsi lo scenario più temuto: quello che rimanda all’instabilità del governo Prodi, travolto da numeri malfermi e da irrisolvibili incognite.

Per convincere i titubanti, Berlusconi avrebbe pensato (consigliato dalle “colombe” del suo partito) di scandire oggi in Aula un discorso “soft”, orfano di provocazioni o attacchi personali. Di più: per evitare di insolentire i più risentiti (i finiani) sul tema della giustizia avrebbe deciso di non parlare di intercettazioni, di Lodo Alfano, del “processo breve” e di tutti quei provvedimenti che gli hanno conquistato la nomea di infaticabile fabbricatore di leggi “ad personam”. Al contrario, sulla giustizia – assicurano fonti vicine al Cavaliere – il presidente si muoverà con grande cautela, dando dimostrazione di straordinario tatticismo politico.

“Sarà un discorso alto e programmatico” hanno annunciato ieri festanti molti esponenti del Pdl, messi a conoscenza del testo più “bollente” dell’agenda politica. Seppure hanno giurato: “il premier affronterà la questione della maggioranza senza fare sconti a nessuno”. Il presidente del Consiglio si avvicina all’appuntamento in Aula (fissato per le 11,00 di questa mattina) con la consapevolezza di giocarsi praticamente tutto: dovrà dare fondo a tutte le sue capacità oratorie ed equilibriste (nella speranza di non pestare i piedi a nessuno) per raccogliere il consenso che gli permetterà di continuare a governare. Con la speranza di festeggiare stasera anche la “rinascita” di un esecutivo momentaneamente in affanno.

Maria Saporito

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!