Napoli: brucia l’opera di Kosuth in metropolitana

fonte: flickr

Non si sa se si tratta della malefatta di teppisti o di un semplice corto circuito. L’opera di Joseph Kosuth, Queste cose sono visibili, posta in una delle stazioni della metro dell’arte, a Napoli, risulta danneggiata da settimane.

La fermata è quella di Piazza Dante, il terminale di quello che viene definito non solo metrò dell’arte, ma anche “la più moderna versione d’un museo d’arte contemporanea per una metropoli”. Eppure, l’opera di Kosuth che riproduce sotto forma di neon illuminati un celebre passo del Convivio di Dante Alighieri, è danneggiata: un intero verso è spento.

La denuncia arriva dal comitato civico di Santa Maria di Portosalvo, il presidente Antonio Pariante, ha spiegato: “Secondo alcune indiscrezioni raccolte dai nostri collaboratori, l’installazione artistica è gravemente danneggiata già da alcune settimane, nessuno si è incaricato di ripararla. È uno scandalo”.

I vigilantes della stazione riferiscono di non conoscere le cause del guasto. La bravata dei teppistelli da metropolitana, così come un semplice corto circuito: le cause restano tuttora ignote.

L’installazione riproduce il verso del Convivio dantesco ed è lunga 15 metri per 1 metro e mezzo, e alta 22 centimetri. La manutenzione della stazione dell’arte è affidata a un progetto curato dalla vicina Accademia di Belle Arti, in virtù di un protocollo di intesa siglato con la Regione Campania.

L’artista Joseh Kosuth aveva già regalato alla città l’installazione, in Piazza del Plebiscito, di una frase di Benedetto Croce. Tempo dopo, aveva voluto confermare il suo speciale legame a Napoli affidando l’opera Queste cose sono visibili al progetto legato alla stazione dell’arte.

Da piazza Dante a Piscinola, le stazioni sono arredate con opere di artisti contemporanei, fatta eccezione per qualche fermata ancora ‘spoglia’. A piazza Dante le maggiori installazioni, con i lavori di artisti quali il citato Joseph Kosuth, Jannis Kounellis, Michelangelo Pistoletto, Nicola De Maria e Carlo Alfano.

Carmine Della Pia