Mario Balotelli finisce in carcere…

Era da qualche giorno che non sentivamo parlare di lui e così Mario Balotelli ha deciso di combinarne un’altra delle sue. Cos’ha combinato stavolta? E’ finito in carcere…Non è stato arrestato, ha solo provato ad entrare senza autorizzazione nel carcere femminile di Brescia.

Ma proprio non ci riesce Super Mario a passare un pomeriggio tranquillo in giro per il centro a fare shopping o a visitare l’Inghilterra? Sembrerebbe proprio di no. Il giocatore attualmente in Italia dove sta passando i giorni post operazione di stare chiuso in casa proprio non ne vuol sentir parlare. Ecco allora che ne inventa una delle sue: visitare un carcere. E già perchè quest’esperienza gli mancava e allora perchè non provarci?

Prova ad entrare nel acrcere con la sua macchina avendo trovato il cancello aperto. Non è suo ma in compagni di suo fratello naturale Enock Barwah.

Ecco cosa riferisce all’emittente Teletutto l’agente e sindacalista della funzione pubblica della Cgil Calogero Lo Presti:

Al terminedell’interrogatorio per il riconoscimento, entrambi ( Mario e suo fratello) sono apparsi impauriti. Ci hanno spiegato di aver visto il cancello aperto e di essere entrati senza immaginare che per visitare un carcere ci volesse un’autorizzazione speciale. I due hanno aggiunto di essere stati particolarmente incuriositi dal fatto che quello fosse un carcere femminile”.

Balotelli e suo fratello Enock Barwah non sapevano o almeno così dicono che per entrare in un carcere ci volesse un’autorizazione e così hanno provato a fare questa visita di piacere. Peccato però le cose non vanno proprio nel migliore dei modi!

“Balotelli si è scusato. Parlava a bassa voce. Era un pò abbacchiato“. Queste le parole dell’agente che spiega come è andata a finire tutta la storia.

Avrà capito questa volta il calciatore che è arrivato il momento di crescere oppure no? Dopo la pistola finta in centro a Milano e le varie vicende con le ragazze questa è solo l’ultima in ordine cronologico delle bravate. Ma sarà davvero l’ultima?

Filomena Procopio