Serie A: top e flop del 6° turno

La sesta giornata di campionato, finalmente, regala un “padrone” alla Serie A, anche se inaspettata: la Lazio di Edy Reja che dopo aver vinto 1-0 contro il Brescia, si piazza in vetta al campionato in solitaria. Nel big match della domenica sera Inter e Juve pareggiano 0-0 in un match ricco di emozioni; il Napoli fa la voce grossa e vince dopo 13 anni al “San Paolo” contro una Roma sempre in crisi di risultati in campionato; il Milan espugna il “Tardini” di Parma grazie ad una prodezza di Pirlo e a una buona prestazione di squadra; scivolone interno della Fiorentina che viene battuta in casa dal Palermo e si ritrova al penultimo posto in classifica.

Sul podio dei Top di NewNotizie troviamo:

1) E’ l’uomo in più della squadra di Mazzarri. Marek Hamsik alza la cresta(in tutti i sensi) e sfodera una grande prestazione che manda in confusione la difesa della Roma. Un gol e tante buone giocate che regalano ai partenopei il secondo posto in classifica.

2) La convocazione in Nazionale è più che guadagnata. Stefano Mauri è stato l’artefice principale del successo della sua Lazio sul Brescia. Suo anche il gol partita che ha realizzato grazie all’assist del “profeta” Hernanes. Prandelli lo ha catalogato come “il centrocampista italiano più in forma al momento”…non ne avevamo dubbi.

3) Classe al potere. Dopo una lite con Spiderman, Andrea Pirlo decide di fargli un torto non indifferente e gli va a togliere la ragnatela che il supereroe mascherato con cura aveva realizzato all’incrocio dei pali della porta difesa da Mirante. Oltre al gol, grande prestazione del mediano azzurro.

Sul podio dei Flop di NewNotizie troviamo:

1) Più che Riccardo cuor di leone, sembra avere il cuore di un criceto(con rispetto per il roditore). Montolivo sembra essere decisamente fuori forma in questo periodo e la sua brutta prestazione culmina nell’espulsione rimediata per fallo da ultimo uomo su Bovo lanciato a rete.

2) Da bambini un po’ tutti avevano paura dell’ “uomo nero” che da un momento all’altro poteva sbucare da un qualsiasi anfratto. Leonardo Bonucci sembra non aver superato questa paura e va nel panico ogni volta che vede Samuel Eto’o e la sua partita si trasforma in un incubo. Venerdì giocherà con la Nazionale di Prandelli, svegliatelo prima che sia troppo tardi.

3) Marco Cassetti ha ringraziato il cielo quando l’arbitro ha fischiato la fine della partita. Dio gli ha donato 2 polmoni, ma sembra che Lavezzi ne abbia avuti in dono 3 o 4 e li utilizza per correre come un forsennato proprio sulla fascia del laterale romanista. Sembrano Beep Beep e Willy il coyote, con Cassetti nei panni dello sfortunato coyote che non riesce mai a prendere il suo velocissimo rivale.

Antonio Pellegrino