Arriva sugli scaffali delle librerie il nuovo libro di Gabriel Garcia Marquez

 

Sono ormai passati sei anni dall’ultimo romanzo di Gabriel Garcia Marquez intitolato “Memoria delle mie puttane tristi” e adesso, precisamente il prossimo 29 ottobre, è prevista l’uscita di un nuovo libro dello scrittore colombiano Premio Nobel della Letteratura 1982 e che si intitolerà “Yo no vengo a decir un discurso“(che tradotto suona “Io non vengo a fare un discorso”).  Il lancio del nuovo romanzo avverà in contemporanea sia in Spagna che in America Latina, stando almeno alle precisazioni provenienti dalla casa editrice internazionale Mondadori ed esposte in un comunicato.

Il libro consta di ben 22 testi preparati e stesi dallo stesso Gabriel Garcia Marquez per essere letti davanti ad un pubblico, alcuni dei quali non sono ancora mai stati pubblicati e sono perciò inediti; il primo discorso posto ad apertura di questo nuovo libro venne scritto dall’autore di “Cent’anni di solitudine” quando aveva solo 17 anni per salutare i compagni in procinto di diplomarsi al liceo di Zipaquira’, nell’anno 1944. L’ultimo discorso raccolto e posto alla fine del libro invece è quello che venne pronunciato nel 2007 di fronte ai membri dell’Accademia della Lingua spagnola ed anche ai reali di Spagna in concomitanza con il suo ottantesimo compleanno. Tra i diversi discorsi raccolti in questo volume risalta  quello, indimenticabile, pronunciato ben 28 anni fa a Stoccolma in occasione dell’importante cerimonia del Nobel ed intitolato ” La solitudine dell’America Latina“.

Gabriel Garcia Marquez, di 83 anni,  nel ricevere il Premio Romulo Gallegos nell’anno 1972 rivelò di aver accetto di fare due cose che aveva promesso a se stesso di non fare mai, ovvero ricevere un premio e pronunciare un discorso. Da quel momento in poi il celebre autore de “L’amore ai tempi del colera“(da cui è stato poi tratto l’omonimo film) ha ricevuto vari premi e pronunciato diversi discorsi rivelando, mediante questi testi, non soltanto le sue per così dire “ossessioni” letterarie ma anche temi che per lui sono sempre stati cari ed importanti come il futuro della sua Colombia e dell’America Latina tutta, la gioventù e l’educazione, il pericolo atomico ed anche l’ecologia ed i problemi connessi all’ambiente.

Rossella Lalli