Malesia: scimmia rapisce e uccide neonata

Una storia davvero incredibile quella che giunge dalla lontana Malesia. Una neonata di appena quattro giorni di vita è stata rapita da un esemplare di scimmia locale mentre si trovava nella sua abitazione. L’animale si è introdotto in casa e, approfittando dall’assenza dei genitori, ha trascinato via il corpo della bambina. Dopo averla più volte morsa e graffiata, la sciammia ha lasciato cadere il corpo dal tetto della casa. Per la bambina non c’è stato nulla da fare.

La piccola – scrive il sito della Bbc – dormiva tranquillamente in casa dai genitori, in una zona residenziale a sud di Kuala Lumpur. La scimmia, un macaco selvatico, è entrata dalla finestra della camera probabilmente per cercare del cibo. Quando ha visto la bambina, il mammifero ha deciso di portarla con sè. La giovane madre, nel frattempo, stava accompagnando il nonno della piccola in bagno. Giunta in camera si è immediatamente accorta della scomparsa della figlia neonata.

“Ci siamo messi a cercare forsennatamente in tutta la casa, finchè non abbiamo visto il suo piccolo corpo coperto di sangue fuori dalla casa”, queste le parole del nonno, sconvolto per il tremendo episodio. Sul corpo sono stati trovati evidenti segni di morsi e graffi. Un responsabile locale dei parchi, tale Ishak Muhamad, ha affermato che una scimmia, ritenuta l’autrice dell’aggressione, è stata abbattuta dai ranger.

“Sospettiamo che il macaco stesse frugando in casa alla ricerca di qualcosa da mangiare. Ha probabilmente portato la neonata sul tetto pensando che si trattasse di cibo”, ha dichiarato alla stampa Muhamad. “La bimba è morta cadendo a terra dal tetto. La scimmia ha mollato infatti la presa, forse spaventata dalle grida della madre”, ha aggiunto. “Era la nostra felicita e ci aspettavamo di passare con lei tanti anni belli. Non riesco a credere che non ci sia più”, queste le parole del padre, visibilmente scosso per la morte della piccola.

Di Marcello Accanto