Home Sport Motori

F1, Giappone: Red Bull davanti nelle libere, Ferrari spera nella pioggia

CONDIVIDI

Inizia il week-end motoristico del Gp del Giappone ed ecco che le due vetture Red Bull si piazzano in prima fila quasi immediatamente. Segno più chiaro di così difficilmente si può avere. Esattamente come avevano auspicato i tecnici, ingegneri e piloti, Sebastian Vettel e Mark Webber qui possono contare su una vettura velocissima, che perfettamente si sposa con i famosi sali-scendi e curvoni veloci di Suzuka. Stessa eleganza e perfezione già vista a Singapore, Ungheria, Malesia, tracciati ove la Red Bull si è mostrata velocissima (se non inarrivabile) anche in gara. Praticamente sia Vettel che Webber non hanno mai abbandonato la prima fila in entrambe le sessione, con il tedesco che verso la fine segna il tempo più veloce della giornata, piazzandosi al primo posto.

Agli avversari non resta che inseguire e recuperare più terreno possibile. Stupisce la terza piazza del pilota Renault Kubica, distanziato da “soli” 735 decimi dalla vetta. Davvero un ottimo tempo che fa presagire un’altra bella prestazione da parte della scuderia francese. Quarto e quinto ecco i due ferraristi Alonso e Massa che, lasciando stare per un attimo tutti gli screzi e tensioni interne, si ritrovano perfettamente d’accordo sul fatto che questa volta il distacco difficilmente potrà essere colmato, a parte l’arrivo della pioggia. Le instabili condizioni meteo infatti possono essere una valida opzione e sorpresa per evitare un dominio Red Bull in gara. Con tracciato bagnato infatti il distacco oggi subito si annullerebbe. Alonso spera vivamente in questo, aggiungendo il fatto che sia domani che domenica le previsioni non escludono temporali.

In casa Mclaren la situazione è ancora più complicata. Oltre a subire un distacco prestazionale da entrambi gli avversari per il titolo (Button infatti è sesto),  ha dovuto fare i conti con gli errori di Hamilton, vittima di un incidente durante la seconda sessione. Nulla di grave per il pilota, anche se è stato costretto a seguire tutte le libere ai box, rinviando quindi tutto il lavoro di messa a punto a domani. Un Gran Premio già in salita per la scuderia inglese, che se vorrà tenere vive le speranze iridate dovrà necessariamente cogliere un ottimo risultato.

La Mercedes ancora in difficoltà, ma oramai non fa più notizia. Schumacher è ottavo, dietro la Renault di Petrov, mentre Rosberg addirittura undicesimo. Davvero poco per un Top Team, ma giustificabile dal fatto che ormai tutti (compresi i piloti) sono concentrati per il 2011. Infine ottima prestazione per la Force India di Sutil e la Williams di Hunkelberg, nuovamente davanti al ben più esperto Barrichello. Domani toccherà alle fondamentali qualifiche, e già da lì potremo capire se il dominio Red Bull è destinato a continuare oppure finire, facendo tornare sfida ed incertezze per questa quartultima gara del campionato.

Riccardo Cangini