Mariah Carey non si concederà fino al parto

Un altro indizio. Se dobbiamo leggere fra le righe possiamo dire che giorno dopo giorno è sempre più facile trovare le conferme che Mariah Carey sia incinta. La star non ha ancora dato l’annuncio ufficiale della sua presunta gravidanza, ma pare che la cosa sia certa. In primis fu il marito che cercando di dire e non dire lasciò intendere molto. Sarebbe stata Mariah a parlare a momento debito. Impossibile pensare che una dichiarazione del genere potesse lasciare spazio ad un annuncio di una non gravidanza.

Poi la preoccupazione per la caduta sul palco durante un concerto.

I rumors continuano. Le notizie che giungono ora servono a buttare altra benzina sul fuoco. I fan ne sono certi. La loro cantante preferita è incinta.

Cosa sta succedendo ora? È lo stesso ‘National Enquire’ a pubblicare le ultime novità. Fonti anonime hanno lasciato trapelare la notizia che la Carey sia molto in ansia per la gravidanza e che cerchi con tutte le sue forze che il tutto possa procedere per il meglio. Proprio per questo motivo la stessa cantante avrebbe quindi deciso di non concedersi più al marito fino al momento del parto. Niente sesso per il caro maritino che può benissimo resistere qualche mese per il bene del nascituro.  Chissà come l’ ha presa Nick Cannon? Va aggiunto anche che la decisione è solo frutto dei ragionamenti privati della stessa Mariah. I medici non le avrebbero consigliato o meglio sconsigliato nulla. Tutto sembra infatti procedere secondo i dovuti modi. Tutto ciò fa capire come la neo mamma sia sotto stress ed inizi la sua nuova vita con un carico di apprensione maggiore rispetto al dovuto. La sua decisione, irremovibile, non lascia nessuna speranza al povero maritino che invece forse si aspettava che la sposa continuasse ad adempiere ai doveri coniugali. Povero Cannon… la voglia di vedere il futuro figlio o la futura figlia doveva essere già tanta prima, figuriamoci ora!  Quello che ci vuole è soprattutto un augurio: si spera che la Carey ritrovi la serenità e che il nascituro possa arrivare in un ambiente tranquillo e sereno.

Alessandra Solmi