Fabri Fibra attaccato molto duramente dal fratello Nesli

Francesco Tarducci, meglio noto come Nesli, anzi, come fratello di Fabri Fibra, ha parole di fuoco per il più noto dei familiari.

Nesli ha spiegato a Panorama i motivi che hanno portato i due alla rottura dei rapporti: “Abbiamo inciso dischi e suonato insieme per anni, poi non ce l’ho più fatta perché non sopportavo il rito degli insulti, il cliché del rapper cecchino che impallina tutti. E poi, lui, a che titolo parla delle preferenze sessuali degli altri? Che cosa ne sa? Distruggere tutti è troppo facile. Una visione maledetta del mondo – ha detto ancora Nesli – ti rende più interessante, questo lo capisco. Però, che noia cantare tutte le sere quella roba.”

Parole durissime quelle del fratello di Fabri Fibra, che ha proseguito senza nessun freno, forse anche per la rabbia di essere stato scaricato dall’etichetta per cui lavora il più famoso dei rapper nostrani. “Sono tornato a galla dopo essere stato mollato dalla Universal. Mi sono anche preso del cretino da Fibra e da quelli del suo giro, perché non ero abbastanza cattivo e contro, perché non facevo le cose che andavano fatte“.

Il meno famoso dei Tarducci rievoca anche il passato: “Ma è sempre stato così, anche a scuola: io l’idealista romantico, lui lo stratega, quello furbo che con due sviolinate riusciva a farla franca. Io, invece, mi sono fatto anche bocciare due volte”.

Panorama ha chiesto a Francesco se le sue bordate non siano un modo per farsi pubblicità da parte dei due fratelli: “E come ci saremmo messi d’accordo, se non ci parliamo dal settembre 2008? Io mi ritengo un uomo risolto e non voglio avere contatti con Fabri perché il suo modo d’essere mi turba, mi mette ansia, mi porta a sentirmi a disagio con il resto del mondo. Lui vive tormentato, io mi sveglio e mi addormento felice.

Quando ho incontrato Mengoni, avevo un po’ di vergogna. Come se avessi voluto dirgli che con quello che canta Fabri non c’entro, che non mi va di sposare quella causa.”