Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Sarah Scazzi, la cugina Sabrina “incappucciata” e portata in Procura

Sarah Scazzi, la cugina Sabrina “incappucciata” e portata in Procura

Dopo l’ispezione nel garage-cantina di Michele Misseri effettuata stamattina alla presenza dello stesso omicida da parte dei carabinieri del Reparto operativo e del Reparto investigazioni scientifiche di Taranto, spunta un nuovo colpo di scena nel mistero dell’omicidio della piccola Sarah.

Sabrina, la cugina della 15enne strangolata, protetta dai carabinieri, è stata portata via dalla casa di Misseri. Col volto coperto da un cappuccio è  stata scortata dai militari, dopo che suo padre, insultato dalla folla radunatasi vicino alla sua abitazione, è uscito da casa con gli agenti.

La ragazza, 25 anni, è stata portata nella Procura del capoluogo ionico, dove sarà ascoltata come persona informata dei fatti. Secondo quanto si apprende, l’avvocato Vito Russo, amico di Sabrina, giunto in tarda mattinata a casa Misseri, la sta raggiungendo in questo momento.
Michele Misseri, al termine della perquisizione nel garage luogo del delitto, è stato invece portato dai carabinieri presso il pozzo dove ha gettato il cadavere della nipote.

Alla perquisizione nel garage di Misseri era presente anche il pm della Procura di Taranto Mariano Buccoliero.

Il ritorno sul luogo del delitto potrebbe essere motivato dalla ricerca dei vestiti della 15enne e delle cuffiette che portava sempre con sé, oggetti mai ritrovati.

Sarà presto ascoltata in Procura anche Mariangela Spagnoletti, la ragazza che doveva andare al mare con Sarah e la cugina il pomeriggio di quel tristemente noto 26 agosto.

”E’ una indagine delicata, attendiamo gli eventuali sviluppi delle indagini e l’esito degli eventi. Non facciamo commenti”, è stato il commmento lapidario dell’avvocato Walter Biscotti, uno dei due legali della famiglia Scazzi.

Raffaele Emiliano