Pagelle Salisburgo-Juventus: Manninger decisivo, disastro Martinez

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Salisburgo (4-2-3-1)

Tremmel 6: Si limita all’ordinaria amministrazione. Incolpevole sul gol di Krasic.

Schwegler 6: Tiene la posizione, contro Pepe e Martinez basta e avanza.

Sekagya 6: Qualche brivido quando viene puntato in velocità, ma tutto sommato tiene.

Afolabi 6,5: Deve vedersela spesso con Amauri e gli concede solo le briciole.

Hinteregger 6: 45′ minuti giocati su buoni livelli; poi, con l’ingresso di Krasic, soffre. Ingenuo in occasione del gol bianconero.

Schiemer 5: Lento. Deve vedersela spesso con Del Piero e fa una gran fatica ad arginarlo.

Mendes da Silva 6,5: Buona gara in mezzo al campo, dai suoi piedi parte l’azione del vantaggio (dal 7′ st Leitgeb 6,5: Col suo ingresso in campo dà grande vivacità alla manovra degli austriaci).

Zarate 6,5: Un po’ discontinuo, ma sempre pericoloso con le sue accelerazioni sulla corsia di destra (dal 37′ st Jantscher s.v. Spara su Manninger la palla del 2-1).

Pokrivac 5,5: Dovrebbe essere l’uomo destinato a creare gioco, si vede troppo poco.

Svento 7: Vera spina nel fianco della difesa bianconera, spinge con continuità sulla fascia sinistra. Splendido il gol del vantaggio.

Wallner 5,5: Evanescente. Ha una sola palla gol in 90′, la gestisce male.

All. Stevens 6: Per 45′ mette in scacco Del Neri. Nella ripresa, dopo l’ingresso di Krasic, rischia di capitolare, ma con un pizzico di fortuna nel finale avrebbe anche potuto vincere.

Juventus (4-4-2)

Manninger 7: Un paio di respinte nei 90′ minuti. Poi, a tempo scaduto, il grande intervento che salva il risultato.

Grygera 5,5: Si imbatte in Svento, l’avversario più pericoloso, e a volte soffre. Esce in barella (dal 35′ st Motta s.v.).

Bonucci 6: Non corre gravi pericoli dietro, dove tiene bene. Da rivedere, per una volta, in fase di costruzione.

Chiellini 7: Un mastino, come d’abitudine. Sui palloni che spiovono nell’area bianconera arriva sempre per primo.

De Ceglie 6: Per un’ora gioca su buoni livelli, sfoderando il cross del pareggio. Cala vistosamente nel finale, rischiando anche il rosso.

Martinez 4,5: Vaga per il campo e sbaglia tutto quello che si può sbagliare (dal 19′ st Felipe Melo 5,5: Nervosissimo, gioca mezz’ora sui livelli dell’anno scorso).

Marchisio 5,5: Torna nel suo ruolo abituale ma non entra mai pienamente nel vivo del gioco, soffrendo il dinamismo del centrocampo austriaco.

Sissoko 6: Ottimo finché si tratta di spezzare le trame avversarie, troppo impreciso al momento di impostare l’azione

Pepe 5: Le ultime panchine lo hanno arrugginito, perde quasi tutti i palloni che tocca (dal 1′ st Krasic 6,5: Gli bastano tre minuti per raddrizzare la partita. Poi spara alto il gol del possibile vantaggio).

Amauri 5: Sulla falsariga della gara di domenica contro il Lecce. E’ ancora in ritardo di condizione.

Del Piero 5,5: Rispetto al brasiliano prova qualche giocata in più. Sfiora il gol su cross di Krasic e con una punizione dalla distanza.

All. Del Neri 5,5: Passo indietro rispetto alle ultime esibizioni, soprattutto nel primo tempo. Senza Krasic, almeno per il momento, la squadra non gira.

ARBITRO Szabo 6,5: Dirige bene una partita a tratti spigolosa. Nonostante le proteste austriache, è corretta la valutazione in occasione del gol annullato al Salisburgo.

Pier Francesco Caracciolo

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!