Genova,”Ciò che non sei”: incontri sulla cultura del corpo e i disturbi alimentari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:57

La Fondazione per la Cultura di Palazzo Ducale e l’Associazione Familiari contro i Disturbi Alimentari di Genova organizzano un ciclo di incontri per indagare la cultura del corpo vigente in Italia. Obbiettivo dell’iniziativa è descrivere qualità e caratteristiche dei canoni sociali dell’uso e dell’estetica del corpo e presentare studi sul rapporto tra questi canoni e i comportamenti di negazione del sè, come le malattie dei distrurbi alimentari.

Nei martedì dal 26 ottobre al 16 novembre e lunedì 22 novembre si analizzeranno i diversi contesti sociali della letteratura, della moda, del teatro e dello sport, seguendo le riflessioni di un esperto del settore. A questi si accompagneranno medici psichiatri, psicologi o rappresentanti della cultura che forniranno argomenti specialistici al tema.

LETTERATURA (26 ottobre)- Il primo incontro ha come tema La famiglia e i disturbi alimentari e indaga l’universo giovanile attraverso il lavoro della giornalista Martita FARDIN. Fardin è autrice del libro “ValeANA”, nato come racconto online e seguito con entusiasmo e critica dagli utenti della rete, dove si raccontano le vicende di una diciottenne afflitta dall’anoressia. La giornalista sarà affiancata dalla psichiatra e psicoterapeuta Laura dalla Ragione, fondatrice e direttore del “Centro Disturbi del Comportamento Alimentare Palazzo Francisci” (una delle prime strutture pubbliche interamente dedicata al trattamento di anoressia e bulimia).

MODA (9 novembre): L’incontro Canoni estetici ruoterà intorno all’esperienza di una delle più richieste modelle di taglie forti, Elisa D’Ospina, testimonial della lotta all’anoressia e alla bulimia del Ministero della Salute. Il suo intervento sarà accompagnato dalla docente di Storia della danza e del mimo al Dams Elvira Bonfanti e dalla psicologa Maria Cristina BORGOGNA, occupata presso il reparto per la Diagnosi e Cura delle Patologie del Comportamento Alimentare della Clinica “Villa Margherita”di Arcugnano.

TEATRO ( 16 novembre) Il terzo appuntamento, “Espressione corporea”, ruota intorno allo spettacolo teatrale “Mondo nostro cercasi” :  la regista Cristina Garrone mette in scena “personaggi di diverse comunità, nazione e genere, accomunati dallo stesso disagio esistenziale, non visti e non capiti“. All’evento collabora la Dott.ssa Morando.

SPORT (22 novembre): Incontro conclusivo del ciclo, “Vigoressia o il Mito di Adone”  coniuga l’esperienza dell’ex pallanuotista Umberto Panerai (argento alle Olimpiadi di Montreal), che, dopo l’amputazione della gamba destra, scoperchia alcune illusioni nel quale è vissuto e sposta gli accenti della sua esistenza, alla preparazione del docente Pasquale Greco, medico sportivo coinvolto nel progetto “SportivaMENTE”.

Giulia Antonini


Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!