YouTube in scena al Guggenheim: esposizione video al celebre museo di New York

E’ aria di novità al  Guggenheim Museum di New York, che ha aperto le porte al celebre Tubo annunciando in serata i 25 laureati della biennale di video creativi. “Play”, questo il nome del concorso, ha visto la candidatura di 23mila persone provenienti da 91 paesi di tutto il mondo.

I 25 video che hanno ricevuto il premio sono stati realizzati da 39 artisti di 14 paesi ( 9 dei quali di mamma USA) e sono stati visualizzati in diretta dal celebre museo su YouTube che li ha trasmessi in tutto il mondo e sono tutt’ora visibili (fino al 24 ottobre) al Guggenheim, per chi volesse vederli comodamente a casa propria invece basta effettuare l’accesso su YouTube.

«La rosa finale è composta da video che sono tra i lavori più singolari e innovativi realizzati e diffusi online negli ultimi due anni», ha dichiarato a nome della giuria la presidente Nancy Spector, della fondazione Guggenheim. I prodotti presentati alla giuria sono stati reputati talmente interessanti che il riconoscimento è andato a cinque video aggiuntivi rispetto ai 20 previsti in partenza. Temi principali sono la fantasia e la democrazia (più o meno reale) del Web.

I filmati sono stati proiettatti sulla facciata del celebre museo e su uno schermo gigante all’interno dell’atrio; non sono Matisse, Picasso e Kandinsky ma anche un’ottima espressione di arte dal basso dei video digitali.

Perchè arte dal basso? Perchè infondo, qualsiasi individuo in possesso di un computer e di una cam poteva partecipare al concorso. YouTube Play è partito da un’idea così intelligente e ha avuto una così grande riuscita che è destinato a diventare un evento biennale.

Cristina Rufini