Home Lifestyle Salute

Cancro: dalle cellule staminali degli alberi una mano alla ricerca

CONDIVIDI

Dalle cellule staminali dell’albero di Tasso si potrebbe ricavare il Paclitaxel, un composto farmaceutico utilizzato nelle terapie contro il tumore al seno, alle ovaie e ai polmoni.

Sino ad oggi il farmaco è stato prodotto attraverso la trasformazione della corteccia di alberi maturi, che però stanno cominciando a scarseggiare, avendo quindi un impatto negativo, sia in termini di costi per pazienti ed istituzioni, sia sull’ambiente.

Da uno studio di un gruppo di ricercatori dell’Università di Edimburgo (Scozia), in collaborazione con la società coreana Unhwa Biotech, si rileva che il Paclitaxel  si potrebbe produrre in grosse quantità e  “a basso costo” utilizzando, invece, le cellule staminali dell’albero.

I risultati di queste ricerche, pubblicati su Nature Biotechnology, sembrano confermare questa tecnica “alternativa”: i ricercatori, infatti,  hanno isolato e coltivato le cellule staminali dell’albero così da ottenere una significativa produzione del principio attivo.

Le cellule staminali, stando alla pubblicazione, possono essere facilmente riprodotte e modificate per ottenere ingenti quantitativi del composto che è alla base dello stesso farmaco.

I ricercatori, per dimostrare che il procedimento può applicarsi a qualsiasi specie di pianta, hanno isolato altre cellule staminali di diversi tipi di alberi,  in modo da poter produrre principi attivi in grandi quantità senza distruggere l’ambiente e in modo più economico.

Per Gary Loake, uno degli scienziati della Facoltà di Scienze Biologiche dell’Università di Edimburgo, “un farmaco su quattro, circa, deriva da sostanze vegetali. Le nostre scoperte potrebbero fornire un modo pulito e sicuro per produrre, a basso costo, i principi attivi e sfruttare il potere di guarigione delle piante per il trattamento del cancro e di altre patologie”.

I ricercatori sarebbero ora intenzionati ad avviare una serie di ulteriori indagini sperimentali per verificare quanto siano efficaci le cellule staminali vegetali nella lotta contro il tumore, dichiarandosi molto fiduciosi circa il buon esito della loro scoperta.

Marco Notari

Comments are closed.