Concorsi pubblici: a Roma truccata la prova per diventare notai?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:13

Semplice errore, svista, una commissione non troppo rigida, o… qualcos’altro?

Nell’Italia della disoccupazione giovanile al 26,4%, dove pronunciare la parola lavoro fa riverberare echi di nepotismo, giuste conoscenze, buone parole, raccomandazioni; nel paese dove i cervelli fuggono via così da offrire una parvenza di giustificazione ai misfatti da decerebrati di chi governa, la fiducia nella trasparenza degli iter ufficiali che dovrebbero essere seguiti per premiare il merito è ai minimi storici.

E’ di oggi la notizia della sospensione di un concorso nazionale, in corso di svolgimento alla Fiera di Roma, per diventare notai.

La notizia, rivelata dall’edizione romana de La Repubblica, riguarderebbe il blocco della terza prova del concorso che verteva sul diritto commerciale.

A invocare lo stop sono stati gli stessi partecipanti poiché la traccia “Mortis causa” dettata per la prova risultava essere presa interamente da un’esercitazione svoltasi qualche settimana fa presso la scuola notarile “Anselmo Anselmi” della capitale.

I dubbi sulla regolarità del concorso nazionale per notai vanno a fare il paio con le ombre che hanno aleggiato su quello per vigili urbani tenutosi a Giarre, in provincia di Catania, a fine agosto e di cui NewNotizie ha reso noto le anomalie.

Simone Olivelli

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!