Serie A, Cagliari-Bologna 2-0: Nenè e Nainggolan risollevano i sardi

Seconda vittoria in campionato per gli uomini di Bisoli che finalmente respirano. Una vittoria non facile, arrivata solo nella ripresa, contro un Bologna che sa chiudersi molto bene (Inter e Juventus ne sanno qualcosa) ma che capitola sotto le reti di Nènè a inizio secondo tempo e Nainggolan con una bella conclusione dal limite a 15 minuti dalla fine. Se il Cagliari respira, ora è il Bologna a trovarsi in una situazione difficile di classifica all’ultimo posto insieme però ad altre quattro squadre: Bari, Cesena, Parma e Fiorentina, quest’ultima però deve ancora giocare il posticipo stasera a Catania.

PRIMO TEMPO – E’ il Cagliari a fare la partita e a godere di ampi spazi a centrocampo, mentre il Bologna è troppo spuntato davanti con un Di Vaio isolatissimo. Al 9′ la prima azione dei sardi manda al tiro Biondini: il suo rasoterra è bloccato da Viviano. Gli uomini di Bisoli continuano ad attaccare, ma per vedere un’altra occasione degna di nota bisogna aspettare la mezz’ora: cross di un ispiratissimo Cossu per Nenè che calcia a botta sicura, ma la respinta di Viviano è strepitosa. Ancora Cossu al 37′ serve con un cross delizioso Laner (che sostituisce l’infortunato Lazzari) che va di testa e manda fuori. Al 39′ grande azione personale di Matri contro tre difensori felsinei: l’attaccante del Cagliari riesce a penetrare in area e a calciare molto bene, la palla sbatte sul palo esterno. L’unica conclusione verso la porta del Bologna arriva al 44′ ed è di Perez con un tiraccio al volo piuttosto velleitario.

SECONDO TEMPO – Al 6′ Cagliari in vantaggio: Cossu riceve dal limite e serve splendidamente l’accorrente Nenè che da due passi insacca sotto la traversa. Vantaggio meritato. Due minuti dopo, il Bologna rischia di pareggiare: Buscè tutto solo davanti ad Agazzi pecca in altruismo e cerca di servire Gimenez, i difensori cagliaritani si salvano in angolo. Al 12′ altra grande occasione per il Bologna: cross di Garics per Di Vaio che riesce a deviare il pallone, ma manda fuori. Al 16′ c’è da registrare il rientro in campo di Daniele Conti, fuori da un mese e mezzo dopo il fallaccio di Burdisso in Cagliari-Roma; il capitano sostituisce Laner. Ancora un bravissimo Cossu al 22′ serve ottimamente Matri che liscia di testa e si mangia un gol praticamente fatto. Al 34′ arriva il raddoppio del Cagliari: dopo un’azione degli uomini di Bisoli, la palla viene respinta dai difensori bolognesi, vi si avventa Nainggolan che dal limite dell’area al volo con il destro spedisce all’angolino basso dove Viviano non può arrivarci. Il Bologna però vuole crederci ancora: un minuto dopo Gimenez prova il tiro dal limite, palla sull’esterno della rete. Al 38′ Acquafresca (che ha appena rilevato Matri) serve di tacco Conti che fa partire un gran tiro, ma Viviano si rifugia in angolo. E’ il portiere sicuramente il migliore in campo dei suoi, ma i tre punti vanno a un Cagliari più volenteroso e che ha fatto di più degli avversari soprattutto nella prima frazione.

IL TABELLINO

CAGLIARI-BOLOGNA 2-0 (0-0)

MARCATORI: Nenè al 6′ s.t., Nainggolan al 33′ s.t.

CAGLIARI (4-3-1-2): Agazzi; Perico, Canini, Astori, Agostini; Biondini, Nainggolan, Laner (Conti dal 16’s.t.); Cossu (Sivakov dal 31’s.t.); Matri (Acquafresca dal 37’s.t.), Nenè. (Pelizzoli, Biasi, Ariaudo, Magliocchetti) All. Bisoli.

BOLOGNA (4-3-3): Viviano; Garics, Portanova, Britos, Cherubin; Perez, Radovanovic (Ekdal dal 1’s.t.), Mudingayi (Meggiorini dal 23’s.t.); Buscè, Di Vaio, Paponi (Gimenez dal 1’s.t.). (Lupatelli, Moras, Rubin, Casarini). All. Malesani

ARBITRO: Bergonzi di Genova.

AMMONITI: Cherubin (B), Perez (B), Radovanovic (B), Meggiorini (B).

Miro Santoro