Tennis, Master Doha: fuori la Schiavone

Arrivare al Master è stato già un traguardo, ma essere la prima italiana (uomini compresi) a vincere sul campo una partita in questa competizione significa entrare nella storia del tennis nostrano.

La Schiavone batte la Dementieva 6-4 6-1 in un match che ha ben poco di competitivo, essendo già tutto scritto nel gruppo marrone. L’incontro, infatti, alterna momenti di spettacolo ad errori banali con le tenniste che combattono per davvero nel primo set (con il servizio che cambia di mano per ben 6 volte), che vede l’italiana spuntarla negli ultimi due game. Il secondo set vede una Francesca più concentrata e motivata dell’avversaria; strappa il servizio due volte e si porta al match point sul 5-1, annullato dalla Dementieva con una bellissima palla corta. Il bel colpo della russa, però, serve solo a rimandare di qualche momento la vittoria della Schiavone, che arriva infatti il gioco successivo.

Alla fine dell’incontro incomincia la cerimonia per l’addio al tennis della Dementieva, che annuncia (visibilmente emozionata) il suo ritiro: “Ho preso questa decisione a inizio anno, ma l’ho comunicata solo alla mia famiglia. E’ stata dura, ma è il momento giusto: volevo ritirarmi provando ancora passione per questo sport. Ora la mia vita cambierà totalmente, ricomincerò a studiare all’Università. Son orgogliosa di quello che ho fatto“. Arrivano anche i complimenti dell’avversaria italiana: “Rispettosa e intelligente, è stata un esempio“.

La Dementieva, 29 anni, lascia così il tennis con 16 tornei conquistati (un oro olimpico nel 2008), 575 partite vinte in carriera, ma nessuna vittoria negli Slam. La Schiavone invece conclude, con questa vittoria, un anno d’oro: regina di Francia con la vittoria al Roland Garros e ingresso tra le prime 10 giocatrici del mondo (sesta al momento).

Il tabellone delle semifinali vedrà ora di fronte la belga Kim Clijster e  l’australiana Samantha Stosur, mentre dall’altra parte ci sarà la sfida al vertice tra le prime due giocatrici del mondo: Caroline Wozniacki contro Vera Zvonareva.

Raffaele Albo