Berlusconi e la battuta omofoba: sul sito Pdl l’assoluzione dei lettori

“Meglio essere appasionati delle belle ragazze che gay”: è la frase del giorno, quella del presidente del Consiglio alla fiera del Ciclo e del Motociclo a Milano, e che ha scatenato l’ira di opposizione, associazioni e persino parte della maggioranza. Per gli elettori del Popolo della Libertà sul web, o almeno alcuni, la difesa è d’obbligo. Lo si legge dai commenti lasciati sulla message board direttamente sul sito del Pdl, tra i quali – contrariamente a quanto avvenuto in questi giorni per Forzasilvio.it e altri siti satellite – non si scorge nessun atteggiamento critico.

“Sei un grande! E soprattutto uomo vero! – sostiene tale Giovanna – Non falso ne ipocrità. Che bello avere uno che dice quello che pensa! Ormai merce rara in politica“. Lungo e impegnativo l’intervento di Theskyisthelimit, secondo il quale: “Da liberale dico che ognuno dovrebbe essere contento di quello è e rispettare gli altri non credo che Berlusconi volesse offendere il mondo gay è stata soltanto un’affermazione del suo compiacimento di essere quello che è. Se fosse qualcosa di diverso si compiacerebbe lo stesso, è nella natura del personaggio, un personaggio aperto e schietto, raro da trovarsi in un mondo, come quello politico, dove impera l’ipocrisia”.

“A proposito di ipocrisia, – continua il lettore – vi ricordate l’ accusa rivolta al centro-destra di trattare le donne come oggetti? Guardate le “galleries” del “Repubblichiere” (oggi è il turno della 1 impresa di pulizie senza veli) e capirete dove sono gli ipocriti (vedi M. Mafai). Comunque non basteranno i polveroni-mediatico-giudiziari a salvare la zattera dei reduci della prima repubblica. La “casta rossa” a casa!”.

“Ora vedrete il can can che farà la fuorviante snistra per il termine che ha usato Silvio: gay” scrive Giulia, che continua: “Non voleva certo offendere ma cercheranno di fare il processo alle intenzioni”. Molti quelli, invece, che preferiscono battere la strada provocatoria del paragone col caso Marrazzo: “Io, come te, non m’arrazzo con uomini, vedi molti sinistri, ma con le belle figliole! Siamo ancora come natura crea!”, oppure una frase che recita: “Cara sinistra, invece di pensare a chi gradisce le donne perchè non pensate ai Sircana e ai Marrazzi vostri?”. Giorgia, altra lettrice infine, mette in mezzo il leader di Idv: “Ma l’On.le Di Pietro perchè si scalda cosi? Che c’azzecca con i gay?”.

v.m.