Buon compleanno Gigi Proietti

Oggi non è solo un giorno “triste”in cui si commemorano i morti(fra cui anche Pier Paolo Pasolini, ucciso trentacinque anni fa), bensì anche un giorno in cui si ha la possibilità di festeggiare l’anniversario della nascita di una figura estremamente importante per il mondo della cultura italiana. Oggi è il compleanno di Gigi Proietti, uomo che ha avuto modo di divertire e commuovere chiunque abbia avuto il privilegio di vederlo all’opera.

Quest’oggi sono settanta le candeline che l’attore e regista ha spento sulla propria torta. Gigi Proietti esordì nel mondo dello spettacolo come cantante in alcuni locali o in delle feste studentesche. Studente universitario presso la facoltà di giurisprudenza, ai tempi in cui era un cantante pressoché sconosciuto, Gigi Proietti si iscrisse al Centro Universitario Teatrale, luogo in cui Giancarlo Cobelli notò il suo indiscusso talento. Lentamente iniziò la sua carriera come attore nel teatro sperimentale.

Il successo non tardò ad arrivare: all’età di trent’anni Gigi Proietti venne chiamato a sostituire Domenico Modugno nella commedia musicale “Alleluja brava gente”. Con gli anni Gigi Proietti si integrò all’interno di quella che è la tradizione culturale italiana.

La sua voce è entrata nelle case degli italiani attraverso la radio e la televisione e la maggior parte dei cittadini del Bel Paese vede in lui una sorta di pilastro della cultura nostrana, un uomo sempre piacevole da ascoltare e da guardare, le cui doti artistiche indiscutibili rendono la maggior parte degli italiani fieri della sua appartenenza alla nostra tradizione televisiva, radiofonica e teatrale.

Gigi Proietti ha avuto modo di essere apprezzato anche come regista della sit-com “Villa Arzilla” e del film “Un nero per casa”, ma probabilmente per i suoi ammiratori romani, che vivono con orgoglio il fatto che Proietti provenga proprio dalla capitale, non c’è nulla di più bello che sentirlo recitare in romanesco le splendide poesie di Trilussa, che non smette mai d’essere attuale.

Martina Cesaretti