Produce whiskey con l’urina dei diabetici

Questa volta l’alcol…la dice proprio lunga! A Londra il designer londinese James Gilpin ha inventato un whiskey prodotto utilizzando l’urina di persone diabetiche.

Gilpin Family Whiskey è il nome dell’innovativo prodotto che il giovane avrebbe intenzione di commercializzare. Il super alcolico viene realizzato utilizzando le urine altamente zuccherate delle persone affette da diabete. L’inventore ha infatti iniziato la produzione iniziando dall’urina della nonna.

Gilpin, diabetico, filtra le urine usando lo stesso processo utilizzato per purificare l’acqua: gli zuccheri vengono rimossi per farli fermentare… solo che ovviamente non parliamo di acqua ma di pipi. Il piano commerciale prevede una prima distribuzione in Gran Bretagna per poi, se verrà mai acquistata qualche bottiglia, nel resto del mondo.

La prima bottiglia di questo insolito whiskey è stata presentata a Londra al salone “100% Materials” : luogo di innovazione e alta tecnologia. Inevitabile dire che la bizzarra idea del giovane ha attirato l’attenzione di esperti ma anche storici produttori di super alcolici che vorrebbero capirne qualcosa in più.

Secondi ingredienti o miscelature varie, utilizzati per la realizzazione dell’alcolico, non sono noti e nonostante  l’urina pare sia essenziale, l’inventore si tiene ben stretta “la ricetta”. Alto il polverone di polemiche anche se, per il momento, il prodotto è esclusivamente di produzione casalinga quindi non acquistabile.

Il whiskey è una bevanda alcolica ottenuta dalla distillazione di  cereali, invecchiata in botti di legno generalmente di quercia. Alcuni cereali, spesso l’orzo, vengono fatti germinare per essere poi trasformati in malto. Il più famoso  è sicuramente quello prodotto in Scozia dove ci sono due categorie di acqueviti profondamente diverse da cui si ricavano le due tipologie di alcolico più note al mondo.

A.C