Samp, caso-Cassano: per Lega di Serie A inutile ricorso al Collegio arbitrale senza accordo collettivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:52

Potrebbe andare per le lunghe la questione tra Antonio Cassano e la Sampdoria. Ieri è infatti arrivata una nota di Beretta, il Presidente della Lega di Serie A, che si è voluto esprimere sul caso scoppiato dopo la presunta lite tra il fantasista blucerchiato ed il Presidente doriano Garrone.

“SENZA ACCORDO COLLETTIVO NESSUN RICORSO” – Il Presidente della Confindustria del calcio italiano ha infatti dichiarato alla stampa che non ci potrà essere alcun intervento del Collegio arbitrale sull’intera faccenda, se prima non verrà firmato il nuovo contratto collettivo tra la Lega di Serie A e l’Aic. Beretta ieri ha infatti rilasciato ai cronisti queste sue considerazioni: “Il Presidente Garrone è una persona competente e passionale, e di sicuro saprà gestire al meglio il caso Cassano; vorrei però sottolineare come al momento senza contratto collettivo non ci sarebbero nemmeno le condizioni per un Collegio arbitrale, che non è in grado quindi di intervenire; in questo caso o le parti si mettono d’accordo tra di loro, o la Lega non è in grado di funzionare“.

SAMP: RICORSO CASSANO CORRETTAMENTE INTRODOTTO – La replica della Samp alle parole di Beretta è stata tempestiva. La società doriana ha infatti pubblicato un immediato comunicato stampa, nel quale sono state rilasciate le seguenti considerazioni: “Il contratto di prestazione sportiva corrente con Cassano è stato stipulato prima del 30 Giugno 2010, e prevede una clausola che espressamente richiama la piena applicabilità (inevitabilmente fino alla scadenza naturale) dell’accordo collettivo stipulato nel 2005 tra la Lega professionisti e l’assocalciatori. Pertanto al Collegio arbitrale competerà (se del caso) ogni potestà di giudicare la propria competenza“.

CASSANO: “SE PERDONATO BERRO’ PETROLIO” – Dopo le scuse al Tg5 ed a Mediaset Premium, Antonio Cassano ha cercato di farsi perdonare dalla Samp e dal suo Presidente Garrone anche tramite Striscia la Notizia. Il giocatore di Bari Vecchia ha infatti ricevuto un Tapiro d’oro da Valerio Staffelli, e nel corso della premiazione ha parlato nuovamente della lite con Garrone. Per Cassano ci sono stati dei toni duri ed accesi nel corso del litigio, ma lui ha dichiarato di non aver mai detto “Vecchio di M****” al suo Presidente, e di non averlo apostrofato neanche con la parola “Vecchio“. Cassano che ha detto di voler ritornare al più presto a giocare nella Samp, e che per scherzo si è anche proposto di bere il petrolio di Garrone per poterlo fare. Che sia questo il mezzo giusto per mettere la parola fine a questa storia? Striscia la Notizia ha promesso che a breve ci saranno degli sviluppi sull’intera faccenda.

Simone Lo Iacono

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!