Nadia Macrì, la sexy escort che cita Berlusconi e Brunetta

Dopo quello di Ruby Rubacuori, esplode un altro caso. Ha il nome di Nadia Macrì. La escort chiama in causa diversi politici, tra cui il presidente del consiglio Silvio Berlusconi e il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. La Macrì era stata citata da Perla Genovesi, coinvolta nel traffico di droga e indagata dalla Procura di Palermo.

La escort spiega di essere entrata nel giro dei festini grazie a Lele Mora, il famoso agente dei vip. “Sono stata tre volte da Berlusconi – ha detto la donna – ma solo in due abbiamo avuto delle prestazioni sessuali. Una volta in Sardegna e una volta ad Arcore. Per le prestazioni mi diede complessivamente diecimila euro ed altri piccoli regali. È accaduto nella Pasqua 2009 in Sardegna e nell’aprile 2010 ad Arcore. Sono stata contattata da un ragazzo che ci portò da Lele Mora a Milano, e lì con altre ragazze siamo andate dal presidente. A me i soldi li ha dati personalmente Berlusconi in una busta”.

Madre di una bambina, 28 anni, Nadia Macrì vive a Reggio Emilia e ha anche un passato abbastanza burrascoso. La donna ha parlato dei suoi rapporti con Lele Mora e il direttore del Tg4: “La prima volta che sono andata ad Arcore mi sono recata prima a casa di Lele Mora, dove c’erano altre ragazze, e da lì siamo andati allo studio del giornalista Emilio Fede. Poi con Fede, io e le ragazze siamo andate ad Arcore, lui c’era sempre ma cenava soltanto con noi, poi se ne andava. Eravamo circa sette ragazze, ci spostavamo con l’auto privata. Emilio Fede faceva una sorta di selezione e ci chiedeva il nome, poi andavamo tutte insieme dal presidente”.

La donna è letteralmente un fiume in piena: ha parlato di festini erotici in cui circolava anche droga. Altro che Bunga Bunga, il ciclone che si sta abbattendo sulla politica italiana è di dimensioni devastanti.

G. M.