Esplosione ditta di smaltimento rifiuti tossici e pericolosi: 7 feriti

Milano, 4 novembre 2010. L’ esplosione di una ditta di smaltimento di rifiuti tossici e pericolosi ha provocato gravi danni a cose e persone. In totale, infatti, sono 7 i feriti gravi.
La ditta era ubicata in via Mazzini a  Paderno Dugnano, nell’ hinterland milanese.

Cinque dei feriti sono stati intubati sul posto e trasferiti negli ospedali di Niguarda, San Carlo, San Paolo, Fatebenefratelli e San Raffaele; un paziente è stato ricoverato al San Gerardo di Monza.
I responsabili del  118 hanno trattato la situazione con grande tempestività: in poco meno di un’ ora dal fatto, tutti i feriti sono stati intubati e trasferiti immediatamente in ospedale. L’ emergenza è stata gestita con l’elicottero, un’automedica, il mezzo grandi emergenze e dieci mezzi di base (con la collaborazione dell’ elicottero di Como e di un’automedica di Monza). I medici del 118 stanno anche valutando la possibilità di trasferire le vittime nel centro ustionati della Regione Lombardia.

Angela Bonsanti, una donna che abita nei pressi della fabbrica Eureco di Paderno Dugnano, in provincia di Milano, ha raccontato cosa ha sentito e visto: “Ho sentito da casa mia un’esplosione fortissima che ha fatto tremare i muri, seguita da diverse altre esplosioni meno intense. Sono scesa in cantina armata di bastone perchè pensavo che qualcuno fosse entrato nella mia casa – ha continuato – e quando ho visto fumo nero e le sirene delle ambulanze mi sono precipitata fuori”.

Stando a diverse testimonianze, poi, a lugio ci sarebbe stata un’altra lieve esplosione dello stabile, che non aveva provocato grossi danni né vittime.

L’ incendio, che era scoppiato oggi pomeriggio in seguito all’ esplosione, è stato domato da 13 squadre dei Vigili del fuoco, giunte immediatamente sul posto.

Angela Liuzzi