Basket, Eurolega: Ettore Messina sbanca il Palalottomatica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:52

Prima vittoria in trasferta per il Real Madrid di Ettore Messina, che si aggiudica il personale derby italiano contro la Lottomatica Roma. La squadra madrilena arriva a Roma indietro col record (1-1 contro il 2-0 capitolino) e con la voglia di riscattare alcune ultime brutte prestazioni che sono costate critiche ad uno degli allenatori più vincenti del basket continenatale.

La Lottomatica doveva rialzare la china essendo reduce da due sconfitte consecutive in campionato, che hanno minato le certezze di questa squadra, e in più doveva dimostrare carattere e tenuta mentale a grandi livelli. Tutto questo si è visto per un solo quarto, il primo, dove Roma parte forte e con l’idea contenere il playmaker avversario piazzando in quintetto Jacopo Giacchetti a discapito di Darius Washington.

La partita inizia davvero bene per Roma, tanto che dopo un avvio punto a punto è una tripla di Charles Smith a dare un vantaggio più ampio alla Lottomatica (11-7) che chiuderà il quarto avanti nel punteggio 15-13. I presupposti per l’impresa sembrano esserci, peccato che questo sia il primo ed ultimo canestro di Smith e che Sergio Rodriguez paghi solo per poco la marcatura di Giacchetti; il play spagnolo infatti mette a referto numeri davvero convincenti (9 punti con 7 rimbalzi e 7 assist) e guida la propria squadra in maniera superlativa.

Il secondo quarto è il punto di rottura dell’incontro: incapace di rispondere alla profonda panchina madrilena e ai suoi lunghi (Garbajosa, Tomic, Suarez, Reyes, D’or Fischer, Tucker), la Virtus registra il suo ultimo vantaggio sul 17-15 con un lay up di Ali Traoré, che produce i primi 2 punti dei 6 totali segnati nei secondi dieci minuti (6-26 il parziale). A fine primo tempo il tabellone dice 21-39 per gli spagnoli.

Al rientro in campo la Lottomatica non riesce più a rialzare la testa, non trova quasi mai più il canestro (12 punti segnati nel terzo periodo) grazie alla costante pressione della difesa ad uomo del Real, e non riesce a contenere la pazienza offensiva degli avversari, capaci di portarsi in vantaggio addirittura di 30 punti. Vantaggio “accorciato” da una tripla di Heytvelt, che chiude il terzo quarto sul 33-60. Gli ultimi dieci minuti sono pura accademia per gli spagnoli che si rilassano in attacco (solo 14 punti segnati) e concedono molto in difesa (23 punti subiti), ma la gara era ormai già segnata.

Gli altri risultati: Partizan Belgrado-Maccabi Tel Aviv 54-67; Cholet Basket-Lietuvos Rytas 73-69; Barcellona-Fenerbahce Ulker 61-69; Olimpija Lubiana-Panathinaikos 85-84 OT.

Raffaele Albo

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!