Benzoapirene, ecco le carte che inchiodano il Governo

Come denunciato ieri da Newnotizie, il governo italiano con una legge ad hoc ha dato il via libera al superamento delle soglie di inquinamento dell’aria. Fino al prossimo 31 dicembre 2012, nelle città italiane con più di 150mila abitanti, il benzoapirene, sostanza altamente cancerogena, potrà superare la soglia europea fissata ad un nanogrammo per metro cubo. Tale livello è stato abrogato con il Decreto Legislativo n. 155 del 13 agosto 2010, approvato, secondo il governo, in attuazione della Direttiva 2008/50/CE del Parlamento europeo e del Consiglio. Vediamo nel dettaglio cosa dicono le carte legislative.

Nella realtà dei fatti, la direttiva europea non parla affatto di Benzoapirene, potente cancerogeno che viene veicolato nei polmoni dalle polveri sottili e che si origina dalle combustioni delle industrie e delle auto, ma di altre sostanze. A dircelo è l’articolo 5 comma 1 della stessa direttiva: “Le soglie di valutazione […] si applicano al biossido di zolfo, al biossido di azoto e agli ossidi di azoto, al particolato (PM10 e PM2,5), al piombo, al benzene e al monossido di carbonio“. Nessuna traccia, dunque, del Benzoapirene. Solo un pretesto per modificare le normative già in vigore.

Infatti, tornando indietro nel tempo, risaliamo alla Direttiva 2004/107/CE, nella quale all’articolo 3 comma 1 si legge: “Gli Stati membri prendono tutte le misure necessarie, che non comportano costi sproporzionati, per assicurare che, a partire dal 31 dicembre 2012, le concentrazioni nell’aria ambiente di arsenico, cadmio, nickel e benzo(a)pirene, quest’ultimo usato come marker per il rischio cancerogeno degli idrocarburi policiclici aromatici, valutate ai sensi dell’articolo 4, non superino i valori obiettivo di cui all’allegato I“. Secondo quanto contenuto nell’allegato I, tale valore è per il Benzoapirene di un nanogrammo per metro cubo.

Il termine del 31 dicembre 2012 era stato anticipato dal Governo Prodi con il Decreto Legislativo 3 agosto 2007, n. 152 recante: “Attuazione della direttiva 2004/107/CE concernente l’arsenico, il cadmio, il mercurio, il nichel e gli idrocarburi policiclici aromatici nell’aria ambiente “. Con tale decreto veniva recepita la Direttiva europea e veniva fissato il limite di concentrazione del Benzoapirene a un nanogrammo per metro cubo.

Qualcosa però deve aver convinto il Governo Berlusconi a tornare suoi propri passi visto che con l’ultimo decreto in ordine cronologico, vale a dire il Decreto Legislativo n. 155 del 13 agosto 2010, vengono concessi ancora due anni di tempo per adeguarsi alla soglia limite per il benzoapirene. A dircelo è l’articolo 9 comma 2: “Se, in una o più aree all’interno di zone o di agglomerati, i livelli degli inquinanti di cui all’articolo 1, comma 2 [Fra Cui Il Benzoapirene] superano, sulla base della valutazione di cui all’articolo 5, i valori obiettivo di cui all’allegato XIII [un nanogranno per metro cubo], le regioni e le province autonome, adottano, anche sulla base degli indirizzi espressi dal Coordinamento di cui all’articolo 20, le misure che non comportano costi sproporzionati necessarie ad agire sulle principali sorgenti di emissione aventi influenza su tali aree di superamento ed a perseguire il raggiungimento dei valori obiettivo entro il 31 dicembre 2012“.

Alla luce dei fatti, le industrie potranno inquinare il paese, superando la soglia suddetta, fino al prossimo 31 dicembre 2012.

Di Marcello Accanto