‘James Bond 23’ vedrà la luce nel novembre 2012

La notizia è stata pubblicata dalla bibbia delle novità cinematografiche che riporta la fonte Bloomberg. La MGM ha depositato la pratica di bancarotta: un fallimento pilotato per riuscire ad estinguere il debito di  circa 4 bilioni di dollari, miliardi di euro per mettersi e sistemarsi sotto l’ala protettrice  diretta e  gestita dalla  Spyglass Entertainment. Nelle prossime 15 settimane, il piano  deve essere in grado, per quanto possibile, di riuscire a racimolare i  125 milioni di dollari necessari per poter sopravvivere.

Ma il progetto Bond non è il solo ad essere preso in esame dalla casa di produzione infatti nel bilancio sono già preventivati 40 milioni di dollari che devono essere spesi per  portare avanti  “The Hobbit,” il nuovo capitolo che, in certo senso, dovrebbe anticipare la storia narrata da “Il Signore degli Anelli” e alla guida, dopo le polemiche con i sindacati degli attori, ci dovrebbe essere sempre l’inossidabile e talentoso regista neo-zelandese Sir Peter Jackson; Aspetto importante e per niente secondario è anche quello del franchising relativo  a “James Bond” e al suo finanziamento. E dopo aver accantonato per un po’ le funamboliche avventure  dell’agente segreto di Sua Maestà con licenza di uccidere, il piano prevede anche l’uscita di un nuovo capitolo con Bond ogni due anni e tutto questo dovrebbe  avere  inizio dal novembre del  2012.

Questo significa che “Bond 23”, titolo provvisorio della prossima pellicola, uscirà cercando di fare il botto come gli ultimi due film che hanno visto protagonista il discusso Daniel Craig, ma questo averrà solo fra un paio di anni. La MGM, nel frattempo, cercherà una terza compagnia per aiutarla a pagare i costi per la  produzione ed in seguito possedere il 100% delle future rate. Intanto queste sono solo delle anticipazioni che di sicuro avranno dei cambiamenti, ma in ogni caso è bene essere sintonizzati  sulla lunghezza d’onda dell’agente segreto per vedere l’evolversi!

 Maria Luisa  L.Fortuna