Si spegne Rudolf Barshai, il leggendario direttore d’orchestra e celebre violinista

 

Il direttore di orchestra  di origini russe Rudolf Barshai, celebre e leggendario violinista oltre che fondatore della famosa Orchestra da Camera di Mosca, è venuto a mancare nella sua casa in Svizzera all’età di 86 anni. A darne l’annuncio è stato il suo agente a Londra, aggiungendo che il grande direttore, nonostante fosse da molto tempo già malato, ha proseguito costantemente nel suo lavoro fino a qualche giorno fa. Barshai ha studiato composizione con il celebre Dmitri Shostakovich, del quale ha inciso il ciclo di sinfonie completo ed ha inoltre avuto modo di collaborare con Sergej Prokofiev.

Barshai è stato tra i fondatori dei famosi quartetti Borodin e Cajovskij e a seguito della morte di Shostakovich, avvenuta nel 1975, il violinista lasciò due anni dopo l’Unione Sovietica per dedicarsi alla direzione di importanti e prestigiose orchestre a Londra, Berlino e Parigi.

Nella capitale britannica Barshai si è occupato di dirigere la London Symphony Orchestra, la Royal Philharmonic Orchestra, la London Philharmonic Orchestra oltre alla Bbc Symphony Orchestra; nell’anno 2000 poi ha finito l’orchestrazione della decima sinfonia di Mahler oltre all’arrangiamento di “L’arte della fuga” di Bach.

Rudolf Barshai nacque in Russia il 28 settembre del lontano 1924 e cominciò la sua formazione musicale all’interno di un coro di voci bianche; in seguito studiò violino prendendo lezioni con la guida attenta  del professor Lev Zeitlin, uno dei pupilli di Leopold Auer. Nell’anno 1940 Barshai entrò al Conservatorio di Mosca e ottenne fama a livello mondiale come violinista e suonò vari ensemble cameristici assieme a Shostakovich, Richter, Oistrakh, Rostropovich e Gilels.

Nel frattempo studiò composizione assieme a Shostakovich e direzione guidato da Ilya Mussin a Leningrado e nel 1955 fondò la famosa Orchestra da Camera di Mosca, che fu sotto la sua direzione fino all’anno 1976; le esecuzioni dell’orchestra hanno ottenuto un successo di portata mondiale tanto che molti importanti compositori russi hanno composto e scritto brani appositamente per questo ensemble.

Dopo essere emigrato  dalla Russia nel 1977 Barshai ha diretto orchestre tra le maggiori in tutto il mondo ricevendo il plauso e l’apprezzamento da parte del pubblico ed anche della critica, oltre ad essere direttore ospite di numerose orchestre come la Gurzenich Orchestra, la Budapest Festival Orchestra e  la Berlin Radio Symphony Orchestra.

Rossella Lalli