Terra Ribelle peggio del Grande Fratello, troppo sesso e violenza?

Per alcuni sarà incredibile per altri invece è così. Piovono accuse sulla fiction Terra Ribelle che in questi giorni sta andando in onda su rai 1. Secondo il parere di alcuni critici, opinionisti e giornalisti la serie tv diretta da Cinzia th Torrini sarebbe addiruttra peggio del Grande Fratello a causa delle sue scene ad altissimo tasso erotico. Troppo sesso e violenza addirittura uno stupro. Ma c’è davvero così tanto di cui scsndalizzarsi? Sulle pagine di Panorama abbiamo letto di una fiction non degna di rai 1 che predica i valori e il perbenismo e poi cade addirittura nel ridicolo mandando in onda una simile fiction. Non sarà una critica troppo dura?

E’ vero abbiamo visto delle scene di sesso ma nulla di cui restare così tanto scioccati. Almeno secondo il nostro parere le scene forti sono state mitigate in tutti i modi. Durante il momento dello stupro, si è visto ben poco della violenza che Iacopo usava contro Elena e nell’ultima puntata andata in onda abbiamo ammirato se mai i corpi di Andrea e della contessina. Una scena d’amore che possiamo vedere tranquillamente alle 14,00 su canale 5 in soap operas come Centovetrine ( e specifichiamo che anche in quel caso non vediamo nulla di scandaloso).

Da cosa deriva tutto questo accanimento? In molti hanno scritto in questi giorni che la fiction è stata fatta solo nell’ottica di ottenere ottimi ascolti e che l’approssimazione con cui è stata girata è fin troppo evidente. Rodrigo Diaz è stato definito il nuovo Gabriel Garko: bellissimo ma poco bravo nel recitare. Ma è possibile che gli italiani siano così poco intelligenti e che non riconoscano il valore di ciò che è bello o non lo è?

I gusti poi sono gusti…Magari a 7 milioni di telespettatori piace come piaceva Il peccato e la vergogna. Ad altri non piacerà. Potrà non piacerci il modo di recitare del giovane Rodrigo. Tutto questo accanimento però ci sembra davvero esagerato visto che in tv si vede molto di peggio. Anzi…Non solo in tv a volte la realtà supera di gran lunga la fiction.

Filomena Procopio