Maltempo: in arrivo 20 milioni per 5 regioni

Il governo ha accolto l’appello che gli imprenditori e gli intellettuali del Nord Est avevano lanciato nei giorni passati. E’ stato infatti dichiarato lo ‘stato d’emergenza’ per tutte quelle regioni, cinque in totale, che nell’ultima settimana sono state colpite e danneggiate dal maltempo. Le regioni interessate sono il Veneto, il Friuli Venezia Giulia, la Ligura, la Calabria e la Toscana. Nel comune di Massa alcuni smottamenti hanno anche provocato la morte di tre persone. Si tratta di un uomo – travolto da una prima frana – e di una madre col proprio piccolo, soffocati dal fango che ha distrutto la loro abitazione. In tutte le altre regioni sono invece avvenuti allagamenti che hanno provocato danni ingenti.

A dichiarare ufficialmente lo stato di emergenza, in una conferenza stampa a Palazzi Chigi che si è svolta al termine del Consiglio dei Ministri, è stato il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. Secondo le parole di Bertolaso il governo stanzierà una prima somma di 20 milioni di euro per far fronte alle più immediate situazioni di emergenza.

Il capo della Protezione Civile ha anche aggiunto che sarà fatto tutto il possibile per fornire a chi ne ha la necessità idrovore, idrospurgo e “tutto quel materiale che serve per ripulire dall’acqua paesi, città, piazze, scuole ed edifici privati”.

Luca Zaia, presidente del Veneto, ringrazia “il Governo per la celerità e la sensibilità dimostrata nell’assumere una decisione importante rispetto al disastro che ha colpito il Veneto. È un buon segnale anche se siamo solo all’inizio di un grande e non facile percorso per riportare alla normalità i territori devastati dall’alluvione. Siamo di fronte ad una situazione di estrema gravità”. Secondo il presidente leghista per rimediare a tutti i danni provocati dal maltempo servirà in futuro più di un miliardo di euro.

Gianluca Bartalucci