F1, Brasile: la Red Bull fa doppietta e conquista il titolo costruttori. Alonso terzo

La migliore squadra alla fine ha vinto. La Red Bull è riuscita anche qui in Brasile ad imporre il suo ritmo, conquistando l’ennesima doppietta. Una performance nettamente di un’altro livello rispetto alla concorrenza, un dominio iniziato sin dal primo giro e finito solo dopo la bandiera a scacci. Il vincitore è Sebastian Vettel, bravissimo a superare immediatamente Hùlkenberg alla partenza e portarsi al comando. Dopo poche curve anche Webber ha superato il tedesco della Williams e insieme hanno iniziato a distanziare sempre più nettamente tutto il gruppo. Giri veloci e ritmo gara impressionanti, una vittoria mai messa in discussione e la conquista anche del titolo costruttori. La RB6 è davvero la monoposto perfetta, eppure il titolo piloti è tutt’altro che certo.

Infatti Alonso è arrivato terzo, un risultato fondamentale per le speranze mondiali. Lo spagnolo rimane infatti in testa nella classifica piloti, con un vantaggio di otto punti rispetto a Webber. Prestazione positiva, solida e senza mai un errore. La mente è già tutta focalizzata verso l’ultimo gara ad Abu Dhabi ed i giochi sono tutt’altro che decisi. Male invece Felipe Massa, partito in nona posizione ed giunto quattordicesimo dopo una gara difficile tra problemi al pit stop e tentativi di sorpasso falliti. Il brasiliano continua a vivere un periodo negativo che neanche l’aria di casa è riuscita a porre fine.

Bene il duo Mclaren Hamilton-Button. Strategia perfetta e ritmo gara tra i migliori hanno portato i due inglesi rispettivamente al quinto e sesto posto. Punti pesanti che praticamente consolidano il secondo posto nei costruttori davanti alla Ferrari. Mercedes sesta e settima con Rosberg e Schumacher, non proprio un risultato cristallino ma con questa vettura era davvero il massimo conquistabile. Impressionante il fatto che dall’ottava posizione in poi tutti i piloti hanno almeno un giro di distacco, chiaro segno del ritmo davvero incredibile che i due della Red Bull hanno imposto alla corsa. Neanche la safety car (entrata dopo il brutto incidente di Liuzzi) è riuscita a contenere tali distacchi, regalando invece vero spettacolo nei giri finali con tantissimi piloti di media classifica che battagliavano per la conquista di punti iridati. Interlagos ancora una volta si conferma una gara ricca di emozioni e colpi di scena.  A seguire la classifica finale.

Pos  Pilota        Team                       Tempo

1.  Vettel        Red Bull-Renault           1h33:11.803

2.  Webber        Red Bull-Renault           +     4.243

3.  Alonso        Ferrari                    +     6.807

4.  Hamilton      McLaren-Mercedes           +    14.634

5.  Button        McLaren-Mercedes           +    15.593

6.  Rosberg       Mercedes                   +    35.300

7.  Schumacher    Mercedes                   +    43.400

8.  Hulkenberg    Williams-Cosworth          +    1 giro

9.  Kubica        Renault                    +    1 giro

10.  Kobayashi     Sauber-Ferrari             +    1 giro

11.  Alguersuari   Toro Rosso-Ferrari         +    1 giro

12.  Sutil         Force India-Mercedes       +    1 giro

13.  Buemi         Toro Rosso-Ferrari         +    1 giro

14.  Massa         Ferrari                    +    1 giro

15.  Petrov        Renault                    +    1 giro

16.  Barrichello   Williams-Cosworth          +    1 giro

17.  Heidfeld      Sauber-Ferrari             +    1 giro

18.  Kovalainen    Lotus-Cosworth             +    2 giri

19.  Trulli        Lotus-Cosworth             +    2 giri

20.  Glock         Virgin-Cosworth            +    2 giri

21.  Senna         HRT-Cosworth               +    2 giri

22.  Klien         HRT-Cosworth               +    6 giri

Rimane solo una gara. Alonso contro Webber e Vettel. La squadra austriaca poteva far vincere l’australiano e presentarsi ad Abu Dhabi con un solo punto di distacco dalla vetta. Invece nessun ordine di scuderia è avvenuto durante la gara. Inutile dire che se vorranno davvero vincere questo titolo piloti, allora la squadra per forza farà vincere Webber, sperando che Alonso non faccia meglio del terzo posto. Una vera prova del nove per il muretto Red Bull. Anche se la risposta finale è già praticamente certa. A seguire le classifiche aggiornate.

Piloti:                               Costruttori:

1.  Alonso       246         1.  Red Bull-Renault          469

2.  Webber       238         2.  McLaren-Mercedes            412

3.  Vettel            231         3.  Ferrari                   389

4.  Hamilton     222         4.  Mercedes                  202

5.  Button         199            5.  Renault                   145

6.  Massa        143            6.Williams-Cosworth        69

7.  Rosberg     130             7.  Force India-Mercedes     68

8.  Kubica      126           8.  Sauber-Ferrari             44

9.  Schumacher    72        9.  Toro Rosso-Ferrari         11

10.  Barrichello   47

11.  Sutil         47

12.  Kobayashi     32

13. Hulkenberg   32

14.  Liuzzi  21

15.  Petrov  19

16.  Buemi          8

17.  De la Rosa     6

18.  Heidfeld       6

19.  Alguersuari    3

Riccardo Cangini