Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Marea nera, prime conseguenze: strage di coralli vicino al pozzo

CONDIVIDI

L’enorme macchia di petrolio fuoriuscita dalla piattaforma della BP comincia a mietere le sue prime vittime. La marea nera ha di fatto provocato la morte di numerose specie di coralli del Golfo del Messico. A dimostrare questa triste realtà è stata una spedizione scientifica volta ad analizzare lo stato dei fondali nei pressi di quella che un tempo era una piattaforma petrolifera. I risultati di questa accurata inchiesta sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa.

Nessun dubbio, secondo i dati raccolti dagli scienziati, circa lo stato di salute dei grandi coralli situati nelle vicinanze della piattaforma Bp: ”I coralli giganti nelle vicinanze del pozzo sono coperti da una sostanza nera – ha affermato Timothy Shank della Woods Hole Oceanographic Institution – e o sono morti o stanno morendo. In qualche caso sono rimasti soltanto scheletri”.

Secondo le rilevazioni effettuate durante la spedizione a bordo della nave oceanografica Ronald H. Brown, è risultato che circa il 90% di oltre 40 grandi gruppi di coralli, situati in un raggio di 400 metri dalla piattaforma, sono seriamente danneggiati: ”La vicinanza al sito del disastro e la profondità sono più che una ‘pistola fumante’, sono un ‘cannone fumante’ – ha sottolineato lo studioso durante il suo intervento – quello che abbiamo trovato è il frutto dell’esposizione al petrolio, ai disperdenti chimici e all’acqua deprivata di ossigeno”.

Nessuno, tuttavia, è in grado di stimare con esattezza la gravità dei danni ambientali causata da quello che è stato il più grande disastro petrolifero della storia. A detta degli esperti, in altre parti del Golfo, non sembrano esserci conseguenze gravi per i coralli. Tuttavia, questa drammatica scoperta potrebbe essere solamente la punta di un grande, quanto inesplorabile iceberg. Quello che è certo è che le conseguenze ambientali derivanti dalla marea nera si protrarranno per decenni, vista la quantità di petrolio uscita dal pozzo.

Di Marcello Accanto