Rapunzel in 3D: altro che principessina indifesa!

Sarà la rivisitazione dell’antica fiaba dei fratelli Grimm dal titolo “Raperonzolo” il nuovo film della Disney che a breve uscirà in tutte le sale cinematografiche. Il film è stato già presentato a Disneyland Paris, mentre in Italia uscirà il 26 novembre in 3D e giorno 1 dicembre in 2D e si preannuncia già un successo.

La storia è quella della bella Rapunzel dalla lunghissima chioma bionda che, rinchiusa in una torre altissima e irraggiungibile da una strega cattiva, può calare da lassù per farsi salvare dal suo amato. Come è tutto da vedere perché la tradizionale fiaba è stata del tutto scritta in chiave divertente ma anche romantica.

La lunghissima chioma, come è facile immaginare, è stato l’elemento più difficile da rendere graficamente e, come ha detto il produttore esecutivo del film, Glen Keane, per realizzarla è stato necessario impiegare tutto il lavoro di pre-produzione, cominciato nel ‘96.
Ha spiegato il produttore esecutivo Keane : “Fin quando non abbiamo ottenuto con la computer graphic animation una chioma mobile, vera, con migliaia di fili d’oro splendente, non eravamo sicuri di poter realizzare il film”.
Naturalmente la storia originale è stata confezionata ad hoc per una proiezione moderna e spassosa: ne risulta un film divertente e graficamente sorprendente per gli effetti ricreati dal 3D. Nessuna principessa indifesa e timorosa né un principe azzurro angelico e irraggiungibile: Rapunzel è un peperino e il principe nient’altro che il bandito più ricercato del regno.
“Al romantico e sentimentale di ogni storia Disney – ha spiegato Roy Conli, produttore della pellicola – questa volta abbiamo aggiunto dosi di umorismo e di contemporaneità. Abbiamo pensato ai bambini di oggi, smaliziati, poco propensi a storie polverose, questo non significa che non si senta la favola dei fratelli Grimm dentro al film, ma qualche tocco di moderno ci è sembrato necessario, pur mantenendo il cuore antico e il C’era una volta“.

Martina Guastella