Produzione industriale: giù il dato di settembre e + 4,1% su base annua

Produzione industriale a settembre in calo del 2,1% rispetto al dato di agosto ma in aumento del 4,1% rispetto allo stesso mese del 2009.

Dai dati diramati dall’Istat si evince anche che la variazione media degli ultimi tre mesi rispetto a quella dei tre mesi immediatamente precedenti è pari a +1,3% e che su base congiunturale questo di settembre rappresenta il primo calo dall’inizio del 2010 e il maggior ribasso su base mensile da marzo 2009.

L’aumento del 4,1% indica però un’inversione di tendenza rispetto ai primi nove mesi dell’anno (+5,7%) ed un rallentamento rispetto a quello di agosto (+9,7% rispetto allo stesso mese nel 2009).

Analizzando i dati settoriali si riscontrano solo variazioni congiunturali negative: -3,7% per i beni strumentali, -2,6% per l’energia e -1,8% sia per i beni intermedi sia per i beni di consumo (-6,6% per i beni durevoli, -0,9% per i beni non durevoli).

Rispetto a settembre 2009 l’Istat segnala aumenti dell’ 11,5% per i beni strumentali e del 3,9% per i beni intermedi e diminuzioni per energia (-1,4%) e beni di consumo (-0,3%, +1,5% i beni non durevoli, -8,6% i beni durevoli).

Su base annua gli aumenti più significativi concernono i settori dei macchinari e attrezzature (+18,5%), le altre industrie manifatturiere (+9,2%), le industrie tessili e di abbigliamento (+7,9%) e metallurgia e prodotti in metallo (+6,6%).

Forti diminuzioni si sono invece registrate per la fabbricazione di coke (-2,8%), di computer, elettronica ed ottica (-2,5%) e per la fornitura di energia elettrica (-2%).

Continua il crollo della produzione di autoveicoli: a settembre questa ha registrato un calo dell’8,3% rispetto allo stesso mese del 2009 (-8,2%). La variazione nei primi nove mesi del 2010, a confronto con lo stesso periodo del 2009, é pari a +3,9%.

Marco Notari