Famiglia, Fini scrive ad ‘Avvenire’: “No ad emarginazioni”

Il presidente della Camera e leader di ‘Futuro e Libertà per l’Italia’, Gianfranco Fini, abbandona per un attimo il duello che lo contrappone ormai frontalmente al premier Berlusconi e dedica la propria attenzione al tema della famiglia e del rispetto delle differenze. Lo fa indirizzando una lunga lettera al quotidiano ‘Avvenire’, l’organo di stampa dei vescovi italiani. Fini precisa, dunque, la sua posizione in merito alla famiglia e alla necessità di non emarginare le differenze presenti all’interno della società, necessità da attuare anche attraverso il ricorso alla ”ragionevolezza delle leggi” e al principio di ”laicità positiva, intesa come punto di incontro tra diverse concezioni etiche presenti nella società”. Il presidente della Camera rassicura tuttavia gli ambienti cattolici, garantendo che non è sua intenzione attuare una ”parificazione di trattamento tra matrimonio ed unioni di fatto, specie di quelle omosessuali”.

Ecco, di seguito, il testo integrale della lettera inviata dal presidente della Camera al quotidiano della Cei:

”Caro Direttore, ho letto con attenzione la risposta con cui lei ha condiviso, dalle pagine del suo giornale, il contenuto di una breve lettera, a firma di Fabio Russo, che (lo dico senza alcuna vena polemica) denota la mancanza di una piena conoscenza di quanto da me affermato domenica scorsa a Bastia Umbra, a proposito della necessità di tutelare la dignità di qualsiasi persona, prescindendo da distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche e di condizioni personali e sociali.

Mi dispiace, pertanto, che non si sia voluto cogliere nel mio intervento tutto lo sforzo, che da molto tempo compio, per far maturare nell’opinione pubblica quel sentimento di umana disponibilità nei confronti di tutti coloro, italiani e stranieri, che versano in situazioni di forte disagio causato dall’assenza di adeguate politiche di integrazione e di difesa dei diritti.

Al riguardo, sono convinto che il rapido mutamento della struttura delle nostre società, e più in generale delle società occidentali, accelerato da fenomeni epocali, quali soprattutto la globalizzazione e l’immigrazione, deve indurre tutti ad una profonda riflessione sui valori fondanti e sullo stesso sistema di relazioni che collega tra loro i cittadini e i gruppi sociali.

E’ in questo contesto che si colloca peraltro il tema democratico, e centrale nel dibattito politico, dell’inclusione dei nuovi diritti che scaturiscono da reali situazioni di fatto e che non possono essere disconosciuti a priori se si mantengono aperti i luoghi del dialogo e del confronto.

Da uomo politico e delle istituzioni ho sempre riconosciuto il valore fondante della famiglia, così come garantita dall’articolo 29 della Costituzione, e mi sono sempre opposto ad ogni ipotesi di parificazione di trattamento tra matrimonio e unioni di fatto, specie di quelle omosessuali. Ma non per questo ritengo giusto, di fronte all’insufficienza di forme ed istituti giuridici, ignorare alcune legittime esigenze che meritano di essere prese in considerazione dal nostro ordinamento in virtù di quella idea di ”laicità positiva” intesa come punto di incontro tra diverse concezioni etiche presenti nella società.

Del resto, compito dello Stato di diritto è quello di favorire approdi normativi lungimiranti basati sull’unico criterio possibile da adottare, vale a dire quello della ”ragionevolezza” delle leggi e della tutela dei diritti dei cittadini.

Questo, a mio avviso, è l’unico antidoto per debellare ogni pericolosa e strisciante forma di indifferenza umana e sociale che tende a minare la convivenza civile. Da questo punto di vista, sono profondamente convinto che il nostro Paese sia molto più avanti, in termini di scelte e di orientamenti culturali, di quanto, talvolta, non lo sia la classe politica italiana troppo spesso dilaniata da odiose ed improduttive contrapposizioni di ”schmittiana” memoria.

Non credo, quindi, che un invito alla riflessione sulla necessità di impedire l’emarginazione delle differenze possa essere liquidato come un qualcosa di strutturalmente ed ideologicamente vecchio.

Al contrario, ritengo che l’idea di giungere ad una nuova ”dimensione etica e morale” della società possa essere perseguita con il contributo fattivo ed intelligente di tutti i grandi ”attori” che operano nel nostro territorio, a cominciare dalla Chiesa cattolica che, per ragioni storiche e per la sua forte e radicata presenza, rappresenta un autentico caposaldo nella cultura della solidarietà e della giustizia sociale.

Gianfranco Fini”.

Raffaele Emiliano