Fiat newco: Landini, senza precedenti attacco alla democrazia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:32

Maurizio Landini, segretario nazionale della Fiom-Cgil, ha dichiarato al termine delle assemblee svoltesi oggi nello stabilimento: “Fiat avrebbe intenzione, secondo Repubblica, di dar vita, a partire da Pomigliano, a una newco per non applicare il contratto nazionale e le leggi del nostro Paese ed anche al fine di impedire che le lavoratrici e i lavoratori possano iscriversi alla Fiom o votare nelle elezioni delle Rsu i candidati dei metalmeccanici Cgil, cancellando la presenza della Fiom dagli stabilimenti del gruppo che, in base ai voti ricevuti nelle elezioni delle Rsu, e’ risultato il sindacato maggioritario. Se cio’ corrispondesse al vero, siamo di fronte ad un attacco senza precedenti al sistema democratico, di relazioni sindacali e costituzionale del nostro Paese“.

Secondo Landini: “e’ un sogno illusorio pensare che, dalla grave crisi che colpisce la Fiat, si puo’ uscire cancellando i diritti di chi lavora, il contratto nazionale e la democrazia. Ci auguriamo che le altre organizzazioni sindacali non si rendano complici di un tale disegno della Fiat, che in realta’ vuole semplicemente cancellare definitivamente il diritto e la liberta’ di ogni singolo lavoratore di poter decidere collettivamente di contrattare i contenuti della propria condizione di lavoro. Invece che pensare ad escludere la Fiom, sarebbe opportuno mettere i lavoratori nella condizione di scegliere il proprio sindacato e di votare sulle proprie condizioni, senza che vengano sottoposti a ricatti”.

“Cio’ che serve alle lavoratrici e ai lavoratori – continua il leader sindacale – e’ di aprire una vera trattativa sul piano industriale e degli investimenti del gruppo Fiat per difendere l’occupazione, costruire prodotti innovativi, definire le missioni produttive per ogni stabilimento, garantendo la continuita’ produttiva e occupazionale anche per Termini Imerese. Trattativa che deve coinvolgere anche il Governo sulla base di un vero piano pubblico di politica industriale, capace di sostenere un reale processo di innovazione dei prodotti e di qualificazione della struttura produttiva dell’auto e dei mezzi di produzione nel nostro Paese”.

Stefano Bernardi

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!