Heidegger. Il nazismo, le donne, la filosofia

Parlare di tematiche forti ed ostiche come il nazismo ed il fascismo intorno a personaggi dall’indubbio valore culturale è sempre difficile. Martin Heidegger è una delle figure maggiori del secolo scorso nell’ambito della filosofia. Probabilmente questo grande filosofo tedesco è stato proprio il più importante fra i filosofi che hanno vissuto nel ventesimo secolo. Il suo pensiero costituisce ancora materia di studio per i ricercatori di molti paesi e le sue speculazioni non smettono di essere interessanti né di stupire gli studiosi nemmeno al giorno d’oggi. Qual è il problema? Il problema è che Heidegger non era solo un grande filosofo, era anche un essere umano; un essere umano che nel corso della propria vita prese decisioni viste di cattivo occhio da molte persone. Martin Heidegger aderì al partito nazista. Al centro della breve opera di Alain Badiou e Barbara Cassin si trova proprio la convivenza fra l’Heidegger uomo e nazista e l’Heidegger filosofo. Sarà difficile affrontare tale argomento senza finire per banalizzare il personaggio o per essere inutilmente retorici: il libro è piuttosto corto e potrebbe essere interessante leggerlo anche solo per comprendere il modo in cui questi due autori hanno parlato di tali argomentazioni che, sicuramente, non sono facili da affrontare.

Nell’ opera non si parla soltanto del rapporto di Heidegger con la politica, bensì anche del suo rapporto con il gentil sesso. Lo scrittore di “Essere e Tempo” era sposato con una donna di nome Elfride, ma aveva un’amante. L’amante di Heidegger, oltre ad essere un’importante figura della filosofia novecentesca, era anche ebrea. Il suo nome, noto agli “addetti ai lavori” ed anche a qualche profano particolarmente curioso, era Hannah Arendt.

Le tematiche affrontate in questa breve opera sembrano essere stuzzicante e incuriosiscono indubbiamente le menti più propense alla filosofia. La speranza degli amanti dell’ Heidegger filosofo, che spesso e volentieri tendono a giustificare l’Heidegger uomo, è che tale opera sia capace di costruire un’analisi profonda e che non si limiti a fare del “gossip” sulla vita del grande pensatore esistenzialista.

Heidegger. Il nazismo, le donne, la filosofia
Alain Badiou e Barbara Cassin
Il nuovo melangolo
Collana: Opuscula
70 pagine
12 euro

Martina Cesaretti