Camorra, arrestato Antonio Iovine. Saviano: Aspettavo questo giorno da 14 anni

Dopo 14 anni di latitanza, è stato arrestato dalla squadra mobile di Napoli Antonio Iovine, uno dei capi del clan dei Casalesi (a sinistra le immagini della sua cattura).

L’arresto avviene proprio nel giorno della polemica tra Roberto Saviano e il ministro degli Interni Maroni in merito ai legami tra Lega e mafia al nord.

”Oggi è una giornata meravigliosa per la lotta alla mafia”, ha detto lo stesso Ministro, appresa la notizia dell’arresto di Iovine.

A dirsi soddisfatto è anche il ministro della Giustizia, Angelino Alfano. “E’ la migliore risposta rispetto a tante chiacchiere – ha detto il Guardasigilli al telefono con il procuratore di Napoli Giovandomenico Lepore – un conto sono le trasmissioni televisive, un conto è l’azione della magistratura e delle forze dell’ordine, mi congratulo di cuore e quando mi manderete la richiesta del 41bis la firmerò immediatamente”. ”E’ una ulteriore conferma che la squadra Stato vince e l’antimafia giocata batte quella parlata”, ha aggiunto Alfano.


Per il presidente del Senato, Renato Schifani, ”questo ulteriore e rilevante successo conferma ancora una volta l’efficacia e l’impegno delle istituzioni nell’azione di contrasto alla criminalità organizzata di stampo camorristico”.

”Un ringraziamento particolare – si legge nel telegramma inviato a Maroni dal presidente dell’Assemblea di Palazzo Madama – va alla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e alla Polizia di Stato per l’importante risultato di oggi e per l’instancabile lavoro a tutela della sicurezza e della legalità nel nostro Paese”.

”Anche questa ulteriore cattura – precisa Schifani – dimostra che lo Stato c’è, che le istituzioni sono unite nella lotta al crimine e la cultura della legalità è nei fatti concreti e quotidiani il fondamento della nostra democrazia”.

Si dice felice per la cattura di Iovine anche lo scrittore di Gomorra e conduttore di ‘Vieni via con me’, Roberto Saviano.

Aspettavo questo giorno da quattordici anni – dice – L’arresto di Antonio Iovine ‘O’ Ninno’, rappresenta un passo fondamentale nel contrasto alla criminalità organizzata”.

”Iovine è un boss imprenditore, in grado di gestire centinaia di milioni di euro. Ora spero che si possa fare pulizia a 360 gradi”, ha aggiunto l’autore di ”Gomorra”. ”Come dimostrato dalla relazione della Dia di oggi, bisogna aggredire il cuore dell’economia criminale, la Lombardia, dove le mafie fanno affari e influenzano la vita economica, sociale e politica”, ha concluso Saviano.

Raffaele Emiliano