E’ ancora allarme maltempo per la Penisola

Il maltempo non sembra voler concedere tregue troppo durature. Le previsioni meteorologiche, infatti, indicano che nei prossimi 10 giorni l’Italia sarà di nuovo tormentata dalle piogge. La perturbazione di origine atlantica – giunta nella giornata di domenica – resisterà sui cieli italiani, con qualche breve pausa, fino al termine della prossima settimana. Le piogge più intense potrebbero verificarsi nel Centro-nord proprio durante il prossimo fine settimana.

Il metereologo Giuliacci, inoltre, sostiene che tra il 26 e il 28 novembre potrebbe verificarsi un improvviso calo delle temperature. La causa del raffreddamento sarà la veloce discesa di un nucleo di aria polare proveniente dalle regioni Scandinave. Il gelo attanaglierà gran parte dell’Europa centrale e orientale, dalla Germania alla Russia, passando per Svezia, Norvegia, Polonia, Ucraina, Repubblica Ceca, Slovacchia e Austria.

Le previsioni, com’è scontato, hanno messo in preallarme tutti i soccorsi nelle zone, come quella del Veneto, già alluvionate dalle piogge delle settimane passate. Le autorità e i soccorsi dell’area di Vicenza sono stati già messi in stato di allerta a causa delle precipitazioni continuative dei giorni precedenti. Nella giornata di ieri, come misura precauzionale, alcune scuole del centro sono state chiuse in anticipo perché considerate a rischio. Oggi, ad allarme rientrato, gli istituti hanno riaperto.

Riguardo alla situazione di Vicenza, il sindaco Variati nel pomeriggio di ieri ha affermato: “questa piena sta passando con danni relativi ma la città è stata di nuovo allarmata e bloccata ed ora vive nella morsa di un fiume che si ingrossa fino quasi a esondare per poche ore di pioggia. La gente è stanca, sgomenta, incredula. Si chiede cosa stia succedendo: aveva appena cominciato a sistemare i negozi e le case e già ha dovuto vivere un ennesimo pomeriggio di paura. C’è qualcosa che non va. Il terreno è sicuramente zuppo, ma c’è una fragilità nel sistema idrogeologico a nord di Vicenza che va affrontata con grande determinazione e senza perdere altro tempo”.

Il maltempo dei giorni passati ha interessato anche altre zone del Veneto ma, per adesso, il livello dei corsi d’acqua è rimasto e rimane abbondantemente sotto controllo. Sono attese deboli piogge per la giornata di domani e per venerdì, e – stando alle previsioni – precipitazioni importanti per i giorni seguenti.

Gianluca Bartalucci