Frecciarossa: Telecom e Vodafone sui treni ad alta velocità

Trenitalia, novembre 2010.  Parte il progetto per portare i treni Italiani in Europa. Non dal punto di vista dello spostamento fisico, ossia del viaggio, ma della navigazione internet. Durante il viaggio di prova di ieri, 18 novembre, gli amministratori delegati di Telecom e Vodafone  avrebbero affermato sui TG che i loro clienti vogliono la possibilità di restare connessi ovunque, anche sul treno. Quest’ultimo diviene una postazione di lavoro e di svago che da la possibilità di usufruire di tutti i servizi raggiungibili tramite le connessioni a banda larga.

In specifico Telecom Italia ha creato con Trenitalia una rete WIFI su aulcuni convogli della tratta Torino-Milano-Roma-Napoli. Il servizio si appoggia sulla copertura data dalla rete 3G di Telecom e dà la possibilità ai passeggeri di connettersi ad internet direttamente in WI-FI. Per  dicembre, mese in cui verrà lanciato il servizio, il costo sarà simbolico, 1 cent di euro. Questo addebito è obbligatorio per rispondere ai requisiti richiesti dal decreto Pisanu,in modo che gli utilizzatori vengano censiti. Il costo a regime è ancora in fase decisionale.

Non sarà però l’unico modo di accedere ai servizi “on-line” quello della connessione WI-FI. Potenziando la rete dati, Telecom darà la possibilità agli utenti di usare le proprie internet Key, i palmari e tutti i dispositivi muniti di connessione cellulare. Vodafone non rimane indietro, anch’essa parallelamente, sembra aver potenziato le proprie antenne e dovrebbe quindi poter garantire lo stesso tipo di servizio verso i suoi utenti.  Chiamate telefoniche e connessioni da dispositivi “personal” non dovrebbero avere più problemi di velocità e disconnessioni.

Dal 12 dicembre lavorare o svagarsi durante i viaggi sulle Freccerosse sarà una realtà effettiva. Chi ha già avuto modo di viaggiare su questi treni ad alta velocità dovrebbe aver testato il confort del viaggio. Soprattutto in prima classe, sedile e tavolino permettevano già di lavorare dal proprio PC, grazie anche alle prese di corrente 220V.

Treno e aereo si avvicinano sempre più, il primo un poco più lento ma a detta di molti più comodo e rilassante.

I.T.